RELIGIONI TRADIZIONALI AFRICANE

Le religioni tradizionali africane, chiamate anche popolari o indigene, sono tutte quelle religioni che non hanno un proprio fondatore ma appartengono alla tradizione culturale stessa dei popoli che le vivono.

Si distinguono dalle cosiddette "religioni storiche", che hanno un loro fondatore, proprio per il loro carattere impersonale.

I seguaci di queste religioni sono più di 60 milioni e sono diffusi in 43 paesi. In Africa sono il 12% di tutta la popolazione africana.

Queste popolazioni possono essere distinte in tre zone: la prima include i popoli sudanici, la seconda è composta dalle popolazioni Nilo-Camitiche e la terza è quella dei popoli Bantu.

Esiste una religiosità personale a carattere individuale che tende a strumentalizzare il sacro, le forze della natura, il potere attribuito agli Antenati, le potenzialità psicologiche dell'uomo e le conoscenze scientifiche.

L'individuo si preoccupa del proprio presente e del proprio futuro.

Esiste anche una religiosità familiare e sociale che tende a conservare, stabilire o ristabilire l'ordine tradizionale.

Il credo africano si basa sulla credenza in un numero molto alto di esseri soprannaturali, che popolano un mondo speculare a quello terrestre e che sono protagonisti di vicende da risvolti umani.

Questa somiglianza di carattere rende l'idea dell'aldilà molto popolare e vicina alla sensibilità della gente, che si identifica facilmente con la storia dei propri dei.

Non esistono testi sacri o canoni giuridici.

Le credenze di queste religioni sono basate sui miti fondatori delle singole tribù e popoli.

Le religione africane non sono universali ma ciascuna di esse è limitata al popolo in cui si è sviluppata.

Non c'è una conversione da una religione tradizionale all'altra.

Nessun appartenente alle religioni tradizionali può fondare un'altra religione, il fondatore della religione è Dio.

Il contatto con le divinità e con gli spiriti degli antenati avviene tramite dei riti che hanno lo scopo di assicurare la sopravvivenza del gruppo, di garantire l'ordine sociale e di celebrale i vari passaggi del ciclo biologico.

I seguaci delle religioni tradizionali africane attribuiscono una notevole importanza a tutto ciò che è essenziale per la vita: l'acqua è ritenuta fonte di vita, la terra è considerata come una "Madre" ed è l'elemento primordiale di nutrizione e luogo di sepoltura , l'aria essenziale poiché permette di respirare e il fuoco che offre il senso del mistero.

Cambiamenti e ricerca di nuovi valori

L'Africa sta cambiando. I mutamenti moderni condizionano la sua religiosità. Questa è la prima generazione africana coinvolta in una trasformazione radicale.

Molti giovani africani lasciano la propria terra. Le nazioni povere stanno diventando sempre più povere e le religioni tradizionali non riescono ad adattarsi ai nuovi ritmi e alla nuova mentalità.

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.