Verso l'Arduino e oltre… È già uscito il 22?

La storia di Arduino ha inizio nel 2001, quando la Olivetti e Telecom Italia creano l’Interaction Design Institute, un istituto in cui si studia l’interazione tra esseri umani e sistemi informatici. Siamo a Ivrea, la città che aveva già conosciuto le creazioni di Olivetti ma di cui ormai non rimangono che le ceneri.

Possibile che nella tecnologia, disciplina che si occupa dell'interazione uomo-macchina, le macchine non interagivano con gli uomini?

Non fu semplice creare una scheda potente, economica e che si interfacciasse con Mac e computer, però grazie all’aiuto di David Cuartielles, Tom Igoe, Gianluca Martino, Massimo Banzi e David Mellis fu possibile e nel 2005 venne rilasciata la prima versione di questa:

<<Piattaforma di prototipazione elettronica open-source che si basa su hardware e software flessibili e facili da usare.>>

In pratica si tratta di una scheda molto economica (a partire da 30 euro), che sta nel palmo di una mano e consente di applicare sensori, attuatori e altre componenti elettroniche per poi programmarle con semplicità.

Il nome viene dal bar dove faceva l’aperitivo, che prendeva a sua volta il nome di Arduino di Dadone, meglio conosciuto come Arduino d'Ivrea, marchese di Ivrea e Re d'Italia nel 1002)

Arduino irrompe nel mondo dell’informatica come un fulmine: la scheda ha aperto una nuova tendenza dimostrando che anche cose, oggetti, circuiti possano essere in open-source.

«If you can’t open it you don’t own it»

A ottobre 2008 sono già stati venduti più di 50mila esemplari in tutto il mondo e il successo va di pari passo con la crescita del movimento dei makers, sostenitori del "Se non puoi aprirlo non è davvero tuo";

L’esplosione è dovuta soprattutto ad aver abbracciato la filosofia dell’open-source di cui Arduino è stato uno dei primi esempi di successo. La filosofia dell’apertura totale, dell’assenza di brevetti se non sul nome porta sempre più persone a modificare la scheda, migliorarla e a condividere le proprie idee.

In conclusione è davvero essenziale dire che, nonostante gli Americani abbiano il possesso del nome "Arduino" e nel resto del mondo si è costretti a chiamarlo "Genuino",

ARDUINO È UN BAR DI IVREA.

Si ringrazia il sito Linkiesta.

Un progetto dell'Istituto Sacro Cuore di Napoli, realizzato dal professor Mario Urciuoli, l'ingegnere Domenico Caggiano e gli alunni Alessia Schiano di Zenise, Mario Serrao, Evghenij Iula, Lorenzo Picardi, Riccardo Landi.

A cura di Alex Schiano di Zenise.

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.