Loading

HOKUSAI e HIROSHIGE I MAESTRI DELL'ARTE GIAPPONESE

ALCUNE OPERE DI HOKUSAI ED HIROSHIGE

Sono fra I maggiori rappresentanti dell’arte giapponese. Delle loro vite non abbiamo moltissime notizie.

Fortunatamente ci rimangono moltissime delle loro opere.Entrambi si specializzarono nella xilografia: una speciale tecnica che consentiva di riprodurre in serie alcuni disegni incisi su lastre di legno.

HOKUSAI

(葛飾 北斎; Edo, ottobre o novembre 1760 – Edo, 10 maggio 1849) è stato un pittore e incisore giapponese, conosciuto principalmente per le sue opere in stile ukiyo-e (genere di stampa artistica su carta). Aveva l’abitudine di cambiare continuamente il nome d’arte. I suoi lavori furono un'importante fonte di ispirazione per molti impressionisti europei come Claude Monet e post-impressionisti come Vincent van Gogh e il pittore francese Paul Gauguin.

Una delle prime opere di Hokusai, firmata col nome di Shunro. Ritrae l’attore kabuki: Iwai.

1800 - “Vedute famose della capitale dell’est”.

Sono alcune xilografie che rappresentano vedute e paesaggi della capitale dell’Est e sono state pubblicate in due volumi.

1814 - “HOKUSAI MANGA”.

Raccolta di 15 libri con schizzi e disegni sparsi di diverso tipo: dai paesaggi a scene di vita quotidiana, a rappresentazioni del soprannaturale

1826 - 1833 “Trentasei vedute del monte Fuji

Sono 46 stampe (dieci aggiunte successivamente visto il successo raccolto dalla pubblicazione) che raffigurano il Monte Fuji in tutte le stazioni e ciò che gli gravitava attorno. Sono fra le opere più conosciute di Hokusai. Le Trentasei vedute includono anche la celebre "Onda di Kanagawa" un'opera diventata ormai iconica parlando dell'artista giapponese.

HIROSHIGE
HIROSHIGE

HIROSHIGE

Nato nel 1797, 37 anni dopoHokusai a Edo, l’attuale Tokyo. Durante la sua vita ha realizzato più di cnquemila stampe e pubblica più di 120 libri. Ha mostrato il suo talento artistico in età molto precoce. A 14 anni viene già ammesso in una importante bottega: la scuola di Utagawa. Per un certo periodo ha interrotto la carriera di artista, dovendo lavorare, per motivi economici, nei vigili del fuoco. Ha ritratto bellezze femminili, paesaggi e animali.

Una delle prime opere di Hiroshige, risalente al 1821

1832 - “Le 53 stazioni di posta del Tokaido”.

Sono 53 xilografie realizzate da Hiroshige nel 1832 durante un viaggio nel Tokaido (una delle cinque strade principali che collegavano il Giappone)

“Shinagawa” ( prima stazione)
“Kawasaki” ( seconda stazione)
Queste stampe sono relative ad alcune delle 53 stampe relative alle stazioni di posta del Tokaido realizzate da Hiroshige.

1858 - “Le 100 vedute celebri di Edo”.

Sono 119 stampe xilografiche realizzate da Hiroshige nel 1858 che raffigurano paesaggi della città di Edo in tutte le stagioni. Con queste stampe Hiroshige ottenne un successo tale da essere considerato il miglior paesaggista giapponese.

Luglio 1857 “LA FESTA DI SUMIYOSHI A TSUKUDAJIMA” (STAMPA 55)

Questa stampa è strutturata attorno ad un esse verticale costituito da un lungo striscione bianco con cinque segni calligrafici dove si legge Sumiyoshi daimyōjin («Grande divinità Sumiyoshi»), insieme ad altri piccoli segni che indicano la data: «il ventinovesimo giorno del sesto mese dell'era Ansei 4 (1857)». Lo striscione è realizzato con la tecnologia della stampa a rilievo sopra ad una struttura tessile (nunomezuri). Essa è accompagnata da un pino sul lato a sinistra ed una lanterna rossa e bianca sulla destra, mentre sullo sfondo si vede la processione, diretta da una lettiga coronato da un uccello Fenice, simbolo del dio Sumiyoshi. Tale divinità era venerata nel villaggio di Tsukudamura, come protettrice dei pescatori e dei marinai

1858 “IL PONTE DI NIHONBASHI: SPACCATURA DOPO LA NEVE” (STAMPA 1)

La prima stampa che apre la raccolta delle vedute e che apre la serie della primavera. Il centro della veduta è occupato dal ponte Nihonbashi, uno dei più grandi e rappresentativi della città.

Febbraio 1858 “TSUKUDAJIMA E IL PONTE EITAIBASHI” (veduta num.4)

Questa immagine notturna mostra un piccolo ponte sull'isola di Tsukuda nella baia di Edo, visto dal ponte Eitaibashi («ponte dell'eternità»), rappresentato dal largo pilastro che occupato il lato sinistro. Questo ponte, costruito nel 1698 è il più lungo di Edo ed attraversa il Sumida-gawa, principale fiume della città. L'isola è un porto di pesca ufficiale, responsabile della fornitura di pesce fresco per lo shogun. Nelle notti d'inverno e di primavera, si pescano gli shirauo («pesce bianco»), che attirano i lumi delle torce, come si vede al centro dell'immagine.

SETT.1857 “MANEGGIO DI HATSUNE A BAKURO CHO” (STAMPA 6)

La scuderia Hatsune no baba – la più antica di Tokyo – è vista da una prospettiva insolita, attraverso asciugamani stesi dalla vicina tintoria di Kon'ya, colorati di bianco, ocra e violetto ed in armonia con lo sfondo del cielo. In mezzo ai padiglioni della scuderia si erge una torre dei pompieri che copre il paesaggio, un elemento familiare ad Hiroshige che ereditò da suo padre la qualifica di capitano dei pompieri nel 1809 e, a sua volta, la trasmise a suo figlio nel 1832 per consacrarsi alla pittura

aprile 1858 “NEGOZI CON MERCI DI COTONE AD ODENMA CHO” (veduta num.7)

Il quartiere di Ōdenma-chō («grande quartiere dei cavalli delle poste») è una stazione dove viene centralizzata la maggior parte delle merci della capitale nipponica. Ecco una via con un ponte che va verso sinistra, ricco di negozi di cotone i cui nomi sono dipinti sulle porte: Tahataya, Masuya, Shimaya. Sui tetti si trovano dei contenitori riempiti d'acqua piovana per prevenire eventuali incendi. Nella via passano delle geisha che indossano un kimono grigio su cui sono dipinte delle libellule, ed i loro volti ne rivelano alcune caratteristiche essenziali. La composizione mette in evidenza l'uso del blu in vari toni, magistralmente utilizzato per degli effetti d'ombra

APR.1856 “IL PADIGLIONE KIYOMIZU E LO STAGNO SHINOBAZU NO IKE DI HUENO” (STAMPA 11)

Ancora una prospettiva insolita del padiglione Kiyomizu-dō, situato nel centro del tempio Kan'ei-ji. Del padiglione, è possibile vedere la terrazza in mezzo ai ciliegi in fiore di cui i giapponesi ammirano la bellezza effimera, come indica la festa di hanami. La terrazza dà sullo stagno Shinobazu no ike situato nel parco di Ueno la cui acqua è colorata di un blu molto dolce. Di fronte ai ciliegi si trovano alcuni grandi pini tra i quali uno si distingue per la sua curiosa forma che gli dà il nome di «pino della luna» e che appare più in dettaglio nella stampa 89

FEBB. 1857 “GIARDINO DEL TEMPIO DI NIPPORI” (veduta num.14)

Questa composizione nuovamente disegnata con una prospettiva aerea, rappresenta i giardini del tempio di Shūshōin nei quali fioriscono dei ciliegi con morbide sfumature di rosa. L'artista prende la libertà di far coincidere la fioritura dei ciliegi con quella delle azalee, che non avviene nella realtà. Su alcune stampe di questa immagine, il colore rosa dei ciliegi del primo piano non appare a causa di un errore di stampa. La coesistenza pacifica di templi buddhisti e shintoisti nel complesso di Nippori è cessata con l'abolizione temporanea del Buddismo e l'attuazione dello Scintoismo come religione di Stato nel 1868

AGOSTO.1857 “IL MONTE ATAGO DI CHIBA” (STAMPA 21)

Il monte Atago è situato a sud del palazzo di Edo, a soli 26 metri sopra la baia della città. In cima si trova il santuario di Atago, di cui un pilastro e la parte inferiore del tetto vengono utilizzati per inquadrare la parte sinistra della stampa. Il personaggio che arriva è un emissario dell′Enpuku-ji, il quale, ogni anno al terzo giorno, svolge una cerimonia nel santuario di Atago al fine di richiamare la buona fortuna, la salute e la prosperità, ma anche per scongiurare la fame e la malattia. Egli porta un copricapo cerimoniale e delle ruote dell'esistenza bianche impresse sui suoi abiti. Tiene nella mano destra un grande cucchiaio da riso (shakushi), simbolo dell'abbondanza, e nella sinistra una clava, simbolo della violenza che egli può utilizzare per difendere la dottrina buddista.

FEBB. 1857 “IL FRUTTETO DI PRUGNI DI KAMADA” (veduta num.27)

Questa è una delle più belle stampe della serie, soprattutto per il suo trattamento dell'atmosfera mattutina e per la squisita gamma di colori utilizzati per dipingere il cielo, dal rosa biancastro al rosso scuro, passando per tutte le sfumature dei colori, i quali mostrano un levar del sole lirico ed evocativo. La scena rappresenta un frutteto di prugni la cui fioritura rivela i delicati fior bianchi. A media distanza, della gente cammina attorno a dei padiglioni mentre sul lato destro appare la parte di una lettiga che illustra il gusto del pittore per gli elementi aneddotici e per le prospettive inconsuete. Questa immagine è stata molto ammirata in Occidente, in particolare dagli impressionisti

NOVEM.1857 “IL GIARDINO DEI PRUGNI DI KAMEIDO” (STAMPA 30)

Questa è una delle tavole più conosciute della serie. Essa assomiglia un po' alla n° 27, ma la sua principale caratteristica è la presenza in primo piano di un prugno attraverso i cui rami si vede lo sfondo, un nuovo esempio di immagine insolita e d'effetto ottico che appassiona l'artista. Come nella ventisettesima stampa, i colori del cielo sono il bianco, il rosa ed il rosso, in una sottile gradazione di una grande bellezza e di una notevole potenza visuale. Il giardino appartiene al santuario Kameido Tenjinsha ed il prugno rappresentato era celebre per la sua forma bizzarra. Vincent van Gogh ha realizzato una copia di questo quadro in 1887 sotto il titolo Albero di prugna in fioritura (dopo Hiroshige)

AGOSTO. 1858 “VEDUTA DELLE VIA ITCHOME DI NIHONBASHI” (veduta num.44)

Il ponte Nihonbashi deve il suo nome al vivace quartiere commerciale di Edo, molto frequentato da persone che passeggiano o fanno acquisti come mostra questa immagine. In primo piano, un gruppo di ballerine conosciute sotto il nome di Sumiyoshi presenta uno spettacolo di strada in tutta la città, protette da un grande ombrello mentre ascoltano una suonatrice di shamisen. Tra gli edifici dello sfondo si distingue la bottega Shirokiya («albero bianco»), fondata nel 1662, un grande magazzino della città, più tardi integrato alla catena Tokyu. Davanti alla bottega si trova una bancarella di meloni ed un uomo mangia quello che ha appena comprato. Dietro di lui, un fattorino del ristorante Tokyoan porta un piatto di sake ed una scatola di pasta al grano saraceno

Agosto 1856 “IL PONTE YATSUMI NO HASHI”

Yatsumi no hashi significa «veduta degli otto ponti», poiché è possibile vedere otto ponti succedersi lungo il fiume dal punto di vista adottato nell'opera (il ponte Ichikoku). Nuovamente l'artista occupa il primo piano con rami pendenti di salice mentre nell'angolo inferiore a sinistra della composizione appare un bordo del ponte. Nel piano intermedio, il corso d'acqua è attraversato da imbarcazioni che sembrano provenire da ponti persi in lontananza. Gli edifici dello sfondo sono i palazzi dello shogun, dietro a cui s'erge l'imponente maestosità del monte Fuji. Il cielo è nella gradazione di colori abituale del pittore, cioè dal blu scuro al rosso, attraversato dal volo di due uccelli.

MAGGIO 1857 “IL PONTE SUIDO ED IL QUARTERE SURUGADAI” (veduta num.48)

Uno striscione a forma di carpa (koinobori) sospeso in aria ed attaccato ad un palo, domina il primo piano dietro cui fluttuano due altri striscioni somiglianti. Essi vengono distribuiti il giorno della «celebrazione dei ragazzi» che ha luogo il quinto giorno del quinto mese dell'anno civile in onore dei bambini di sei o sette anni, per commemorare il coraggio e la virilità. Le carpe simboleggiano tali concetti, poiché la loro capacità di nuotare controcorrente ne fa degli esempi di forza e resistenza. La notevole qualità di rendere le scaglie dai riflessi argentati è dovuta alla tecnica d'impressione che utilizza della mica (kirazuri). In basso a destra, il ponte Suidō è attraversato da una processione di guerrieri diretti verso Surugadai, un quartiere di samurai. Nello sfondo appare ancora una volta il monte Fuji[76]. Hiroshige dipinge fedelmente questa festa tradizionale dei samurai, di cui la sua famiglia era originaria, ma egli ci sovrappone con umorismo ed ironia le tre carpe di grandi dimensioni che sono realizzate dai chōnin (borghesia cittadina), i quali all'epoca celebravano questa festa solo da qualche decennio

SETT.1857 “ACQUAZZONE SUL PONTE SHIN-OHASHI AD ATAKE” (veduta num.58)

Questa è una delle stampe più famose della serie, come dimostra la copia realizzata da Vincent van Goghnel 1887. Costruito nel 1693, il ponte Shin-Ōhashi («nuovo grande ponte»), è spesso stato danneggiato da incendi ed inondazioni, e d'altronde ricostruito venti volte durante i primi cinquant'anni della sua esistenza[90]. La parte inferiore è occupata dalla presenza del ponte Shin-Ōhashi, di cui è rappresentata la curva della sua sezione centrale, dove passano parecchi pedoni che, sorpresi dalla pioggia, si coprono come possono. L'ampia superficie del Sumida-gawa è attraversata da una zattera di legno, mentre il bordo inferiore, corrispondente alla zona portuale di Atake, non è che abbozzato nella penombra. La linea dell'orizzonte scende lungo il ponte, per poi salire, formando una composizione triangolare con due diagonali che si congiungono. Il punto culminante della stampa è il maestrale effetto atmosferico ottenuto con le sottili linee della pioggia che attraversano tutta l'immagine in un grande effetto verticale che accentua la violenza della tempesta

Luglio 1856 “ALL’INTERNO DEL SANTUARIO KAMEIDO TENJIN” (STAMPA 65)

Quest'immagine è una delle più conosciute della serie, anzi, quelle che ha ottenuto che fama in Europa, in particolare tra gli impressionisti, tra cui Claude Monet che s'ispirò ad essa per progettare il suo giardino di Giverny. Essa presenta di nuovo una grande composizione verticale dove il primo piano è occupato nella sua parte superiore da un glicine viola in fiore che scende come a cascata attraverso il quale appare sullo sfondo un paesaggio dominato da un ponte dalla curvatura più pronunciata che nella realtà. Si tratta di un taikobashi(«ponte-tamburo»), un tipo di ponte originario della Cina in cui il riflesso dell'acqua dovrebbe dare la forma di un tamburo, effetto che Hiroshige, non ha invero realizzato su questa stampa. La sua portata è dimostrata dai punti di rame (gibōshi) al livello dei poli del ponte, punti di solito riservati ai ponti di alto livello, come Nihonbashi e Kyobashi. Il santuario Kameido Tenjin, che non appare nell'immagine malgrado il titolo della stampa, fu costruito nel 1660 per incitare il ripopolamento delle terre ad est del Sumida-gawa. Al momento della stampa dell'immagine, l'artiste commise un errore percettibile seguendo il blu del fiume al di là dell'orizzonte nella zona situata sotto al ponte
SCARICA GRATIS I LIBRETTI PER LA SCUOLA PRIMARIA "L'arte spiegata ai bambini"

SCARICA TUTTO IL MATERIALE GRATIS !

Created By
fabio speciale
Appreciate

Credits:

Created with images by Bekir Dönmez - "balance" • dalbera - "Vue du Mont Fuji par Hiroshige (musée d'art oriental, Venise)" • OliBac - "Hokusai" • roberthuffstutter - "36 VIEWS BY HOUKSAI -Great_Wave_off_Kanagawa2"

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.