CENT'ANNI 1917/2017 LA FOLLIA

GRANDI E PICCOLI UOMINI "ACCERCHIATI"

di ALESSIA SCAPIN

follia prima guerra mondiale, da google immagini

Un collegamento tra il passato e il presente, ricordando i cent’anni dalla prima guerra mondiale collegandola all’attuale guerra in Siria ad Aleppo. Concentrandosi sull’argomento della follia. Nel primo caso la follia che si genera da tutti gli eventi vissuti e visti in quei determinati luoghi, e dall’altra, la follia di coloro che attaccano, lasciando moltissimi bambini assediati, soli e traumatizzati.

bambini ad Aleppo, google immagini

Uomini accerchiati, da trincee contrapposte tra loro e dalla morte dei compagni. Una scappatoia oltre alla diserzione o l'auto-mutilazione era la follia, per non essere schiacciati da quel immenso meccanismo di morte e distruzione.

Nel corso della guerra vennero istituiti dei reparti che avevano il compito di gestire gli alienati, curando i casi meno gravi e scovando gli eventuali simulatori dato che era il modo più efficace e semplice per sottrarsi da essa.

I medici non arrivarono mai a capire cosa portasse a questo problema della follia loro credevano fosse una predisposizione ereditaria. Cercavano di negare fosse colpa della guerra questa situazione ma era evidentissimo dato che i ricoveri di "folli" era giornaliero in corrispondenza delle "spallate" e superavano i cento giornalieri.

Uomini completamente annientati dalla loro esperienza di guerra, incapaci di relazionarsi, molto spesso nemmeno capaci di provvedere ai loro bisogni primari. Portano il terrore dipinto nei loro occhi.

La guerra significò una devastazione intima che cambiò il paesaggio della mente. Terrore costante ed implacabile che coinvolgeva tutto il corpo.

ricoveri follia prima guerra mondiale, google immagini

Oggi nei conflitti ritroviamo la stessa crudeltà, accentuata dal coinvolgimento dei civili. Come ad Aleppo, i bambini qui si trovano sotto assedio traumatizzati, in stato di shock totale, presentando danni celebrali causati dalla guerra.

Sono esausti, malati e traumatizzati anche psicologicamente.

bambini ad Aleppo, google immagini

BIBLIOGRAFIA

Lavoro di ricerca sull'argomento specifico nella biblioteca di Bassano del Grappa, con la consultazione di vari testi e varie ricerche online per la ricerca di immagini.

I testi derivano dal libro "Malattie e medicina durante la grande guerra 1915-1919" di Bettiol, Brunetta, Ceschin, De Bertolis, Fabi, Fassina, Toffolon.

Le immagini sono tratte da google immagini, i video utilizzati alcuni sono tratti dal film "Una lunga domenica di passioni" del regista Jean-Pierre Jeunet, altri da YouTube "I matti di guerra".

prima guerra mondiale, google immagini
Created By
Alessia Scapin
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.