Viaggio nello Spazio di Laura ledda

La nostra professoressa di scienze, la dott. Biolaria ci ha annunciato che la classe dell'Unità spaziale ha accettato di ospitarci nello Spazio. Il viaggio incomincia da oggi. Mi sono girata verso la mia compagna di banco, Flox e le ho chiesto chiarimenti:- Ma è impossibile! Come ci arriviamo nello Spazio? A quel punto la prof. mi spiega il progetto: tra un'ora la classe Corpo celeste asteoridiana ci ospiterà per un giorno nella loro scuola, la Planet Orbit School e ci condurrà alla scoperta dei pianeti. -Altri dubbi? chiede la prof. -No- rispondiamo in coro noi. -Bene ognuno di voi deve decidere quale pianeta visitare e successivamente fare una web ricerca- ci dice la prof. -Io vorrei visitare Nettuno!- mi prenoto subito io. Trascorriamo qualche minuto per decidere e prepariamo valigie e provviste per il viaggio. Dopo una mezz'oretta siamo tutti pronti e impazienti di iniziare. Ci rechiamo verso il cortile e li troviamo parecchie navicelle spaziali ad aspettarci insieme a tanti ragazzi dalla pelle blu. Una di loro si avvicina a e si presenta:- Io sono Ambra- e sorride -Chi vuole salire sulla navicella spaziale?- ci chiede -Io!- rispondo subito - Posso sceglierla?-chiedo - Certo!- rispondono ridendo i ragazzi blu. Così ognuno si dirige verso la propria navicella. Io scelgo quella verde acqua. Ci prepariamo tutti al decollo e partiamo verso il cielo azzurro. Nettuno sto arrivando! E' una cosa stupenda! Tutte le navicelle colorate sono allineate e voliamo sempre più in alto. Ad un certo punto varchiamo una sorta di line a immaginaria e il cielo intorno a noi diventa improvvisamente buio e appaiono mille stelle luccicanti. Dall' altoparlante Ambra ci comunica che da lì a poco saremo arrivati nella loro scuola e da quel punto avremo fatto il giro dello spazio e ognuno avrebbe visitato il pianeta scelto. Arriviamo difronte ad un enorme edificio situato in un grande strato di terra fluttuante e atterriamo vicino all'enorme scuola. Una mia compagna, Peste, salta dalla navicella gridando: - Siamo arrivati!!!- e scuotendo le mani in modo buffo. La classe aliena ci mostra la scuola. E' piena di stanze dai banchi in aria e lavagne digitali da utilizzare con lo sguardo: -Questa si che è tecnologia!- dice Roben. Finito il giro, veniamo divisi in coppie, un ragazzo blu e un umano. Io capito con Astro, un ragazzo con gli occhi grandi e gialli. Si rivolge a me dicendomi:- Vieni, ti porto a conoscere Nettuno-,-Ok!- rispondo entusiasta. Saliamo sulle navicelle spaziali e io seguo la sua. Dopo un lungo tragitto nel quale ho potuto osservare tante costellazioni, finalmente atterriamo in un grande, anzi gigante pianeta azzurro con sfumature bluastre. - Wow- esclamo rapita dalla sua bellezza. Astro mi invita a scendere e appena esco dalla navicella mi accorgo di fluttuare. - Ma è bellissimo!- dico facendo tante giravolte nell'aria. - Già- risponde Astro e mi porta a girare il pianeta. Non c'è niente ma il paesaggio è suggestivo ed emozionante così. Dopo aver girato tutto il pianeta torniamo nella scuola. Piano piano ritornano tutti e ognuno racconta la propria esperienza. Nico ha visitato Plutone, Talia Giove e tutti sono rimasti contentissimi. Quando la professoressa ci ha comunicato che era ora di tornare a casa siamo diventati tristi e già nostalgici. Abbiamo salutato i nostri nuovi amici, promettendo che saremo tornati. Saliamo nuovamente a bordo delle navicelle e guardiamo la scuola allontanarsi dietro di noi. Un'esperienza indimenticabile.

Credits:

Created with images by WikiImages - "galaxy barred spiral galaxy eridanus constellation"

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.