Loading

Hong Kong 7 days in H.K.

Destinazione Disneyland

Riprendiamo la metro, ci basta 1 fermata per arrivare al parco.Sappiamo già che il parco e' piccolo, e non ha confronti con quelli USA, ma siamo appassionati di parchi a tema e non possiamo non andarci.

Infatti dedichiamo al parco il solo pomeriggio (piu' che sufficiente per gli adulti), del resto Disney HK e' molto family oriented, la maggior parte delle attrazioni è per bambini, per adulti risultano fattibili 2 o 3 ride.

Arriviamo nella zona di Toy Story, vediamo un attrazione che si potrebbe fare.Indico a Melissa i paracadute, "Dài ...facciamo quello", lei mi guarda ..."sei sicuro???'" (notoriamente ho paura dell 'altezza), "ma si che vuoi che sia è roba da bambini piccoli"!!!!!

Aspettiamo in fila fino al nostro turno, da giu' sembra una cavolata.Ci sediamo, abbiamo di fronte una famiglia con bambino di 5 anni circa! Poi finalmente si inizia a salire, piano, piano piano, solo che non si finisce mai di salire.Come vi dicevo da giù sembra poca roba, ma adesso cavolo se siamo in alto ! I paracadute salgono, salgono, salgono....salgono Guardo Melissa: ma quanto salgono ??? (sgancio)....AAAAAAAAAAAAAAH !!!!! poi si risale , e si riscende,AAAHHH-AAAAAH-AAAAAAAAAA !!!!!!! Quando arriviamo a terra IO e il marmocchio di 5 anni eravamo gli unici con gli occhi chiusi, Melissa ha dovuto dirmi: e' finita puoi aprirli ora!

figura di M !

Ultima tappa da Buzz Lightyear.. una sfida che avevo gIà perso a Disney LA e volevo la rivincita.

ovviamente ho perso di nuovo

Riprendiamo la metro per tornare in centro.Una tabella che regna sovrana alle fermate della metro....per farvi capire (e per far capire ai cinesi della "mainland China ") che qui...non siamo esattamente in Cina! il dominio inglese a qualcosa e' servito

Arriviamo a Mong kok e Melissa vuole comprarsi delle lenti a contatto che ti allargano l'iride (diventi come un fumetto manga) o altre di colori fluo, non posso non essere d'accordo, se non hai una ragazza asiatica almeno che ci assomigli ;-)

entriamo a chiedere i prezzi , ci mostrano un catalogo....

Mel: belli questi, quanto costano

commesso: HK$ 100

Mel: e questi ???

commesso: HK$ 80

Mel: ok prenderei quelli da HK$ 100 ( mentre tira fuori il portafoglio)

Commesso: OTA !!!

Io& Mel: eeeehhhh????

commesso: OTA, OTA !!!!

tentiamo di capire, ma il tipo continua a dire OTA OTA OTA, ringraziamo e ce ne andiamo senza riuscire a comprare le lenti (ma che caxxo è sto OTA OTA OTA !?!). Ok, riproveremo in un altro negozio magari domani!

Passeggiamo nel caos totale, facciamo shopping e ci informiamo sui prezzi di varia merce.

Si cena da PIZZA HUT, si lo so! ma credetemi abbiamo già dato una volta nel nostro viaggio precedente in Cina, si io sono difficile con il cibo...ma dai ristoranti cinesi esce un odore nauseabondo che solo loro possono ritenere buono, la peggiore cucina in assoluto tra tutti i nostri viaggi è stata quella della Cina, non vogliamo ripetere quell' esperienza.

Pizza Hut

Sazi ,felici e stanchissimi ci ritiriamo in hotel ... buonanotte!

Ten Thousand Buddhas

Oggi ci dirigiamo in periferia per visitare dei monasteri, in ogni modo e' tutto a portata di metro, qui i servizi pubblici sono puntuali ed efficienti (metro su tutti, ma anche Bus e i "lentissimi" tram)

prima fermata Sik Sik Yuen Wong Tai Sin Temple, scelto un po' a caso ma che ci riserva una bella sorpresa.C'e' una cerimonia in atto e il tempio e' pieno di gente, tutte le statue sono agghindate con dei fiocconi rossi.Anche se non abbiamo capito che tipo di cerimonia fosse e' stato emozionante mescolarci con la gente del posto, le loro preghiere e il profumo d'incenso.

Riprendiamo la metro e facciamo ancora una fermata, qui andiamo a visitare Chi Lin Nunnery and Nan Lian Garden.Il giardino in sé stesso è carino, ma nulla di che.Bella invece la pagoda in mezzo al laghetto, peccato che non si possa entrare.

Salutiamo la Nunnery e ci dirigiamo verso la destinazione top della giornata..Ten Thousand Buddhas

Mi ero studiato tutto a memoria..visiti i posti con street view, il tempio sta dietro un centro commerciale. Cioe' dietro al centro c'è una stradina che ci porterà al tempio.

Usciamo dalla metro e individuo la stradina....

Mela: sei sicuro...mi sembra un sentierino che porta al nulla!

Io: ho studiato tutto ..e' questo!

Camminiamo 5 minuti e finalmente arriviamo all' ingresso del tempio e mi faccio immortalare con l'ingresso al tempio

...arriva un tipo che ci dice " voi non potete stare qui"

Io: perche' , ?????????? cerchiamo il Ten Thousand Buddhas

LUI: il tempio o la casa di riposo??

Io: ehmmm il tempio

LUI: ecco,questa e' la casa di riposo!! , il tempio sta la' (indicando in alto, in cima alla collina...troppo in alto e troppo in cima...roba che quasi indicava le nuvole)

IO: GRAZIE ( però mi rimane una bella foto con me e la casa di riposo )

e così che iniziamo a salire, si sale tanto ( almeno per noi che siamo fuori allenamento).

non eravamo nemmeno a metà ed ero distrutto

Le statue sono a grandezza naturale, in realta' sono un po' piccoline, ma anche i cinesi sono piccolini, allora tutto combacia: "grandezza naturale" = " misure cinesi".

la faccia che fai quando incontri un amico che non vedevi da anni

Alla fine raggiungiamo una specie di piazza con una pagoda nel centro, tutt' intorno altre statue di Buddha e molte scimmie che qui sono le padrone.

Entriamo nella pagoda e saliamo fino in cima.

In tutto questo tempo siamo stati solo NOI, le scimmie e i monaci, nemmeno l'ombra di turisti, e ne siamo felici.

Decidiamo di tornare giù in città quando ci accorgiamo che un' altra stradina sale ancora ( ANCORA !?!?), siamo qui non possiamo non andarci, e così si prosegue a salire.

Finalmente raggiungiamo la cima, niente più sentierini, qui c'è una statua di una donna con un drago, molto bella (in foto rende poco), ma il silenzio e la tranquillità del posto sono le cose che apprezziamo di più.

Se vi state chiedendo se i buddha sono davvero 1.000...la risposta è "probabilmente anche di più" se calcoliamo tutte le statuine anche piccole o le effigi dentro ai templi.

Rientriamo in hotel e crolliamo sul letto.Un pisolino ci aiuta a riprendere forze e uscire la sera per andare a cena, ma prima andiamo finalmente a comprare le lenti a contatto per Melissa.

Vi svelo il mistero della parola OTA !

Entriamo da un ottico , chiediamo delle lenti e il venditore ci presenta un catalogo

MEL: avete queste ???

lui: si

MEL: e ...queste ??

lui: si

MEL: e questi altri 3 modelli

lui:SI ,SI e si

MEL: ok allora prendo queste 2

LUI: OTA

MEL e IO: puo' ripetere ????

lui: OTA OTA (e aggiunge una parola che ci illumina d'immenso) .......... AFTA' !!

LAMPO a ciel sereno !!!, io e Mel ci guardiamo negli occhi, forse abbiamo capito.

AFTA' vuol dire AFTER !! e allora OTA vuol dire...........ORDER che significa TO ORDER.

Il tipo ci guarda con aria offesa come se volesse dire " e che cazzo ho detto io...OTA, AFTA'! "

Praticamente risolviamo ORDINANDO LE LENTI che arriveranno in 1 ora e lasciando un acconto di € 10 (HK$ 100). Insomma a Hong Kong hanno tutto e niente, nel senso che probabilmente non lo troverete in negozio, ma tra 1 ora ci sarà ( non chiedetemi dove vanno a prendere le cose, questo resta un mistero)

Faccio shopping pure io acquistando un obiettivo per la reflex e poi dopo cena ci facciamo una bella passeggiata sulla Avenue of stars (di cui conosciamo JET LI, BRUCE LEE, JACKIE CHAN....e basta)

Il mitico Bruce Lee!
Vi riassumo le giornate successive senza entrare troppo nei dettagli

La mattina seguente decidiamo di prenderci la giornata "libera" a zonzo per la città e centri commerciali, in serata invece andremo al Victoria Peak dato che per domani danno pioggia.(Comunque non saremo tanto fortunati neppure oggi)

Proviamo tutti i mezzi pubblici, metro,taxi,barche e tram "inglesi" a 2 piani (sono lentissimi e sempre imbottigliati nel caotico traffico di Hong Kong, se avete fretta non prendeteli, ma sono talmente caratteristici che un giro lo dovete fare)

Arriviamo al Peak Tram che ci porterà al Peak Victoria, la fila che facciamo è lunghissima se non ricordo male siamo stati li circa 1,30 h, quello che ricordo benissimo è che ci siamo messi in fila di giorno...

...e quando siamo saliti era notte !!!!

Si arrampica velocissimo e ad un certo punto prende un' inclinazione paurosa, non saprei dirlo con esattezza ma penso siamo circa al 40% di pendenza.

Sì e' sicuramente molto turistico, ma e' una cosa da fare assolutamente che merita tutta l'attesa fatta (certo che se non volete aspettare, prendete un Taxi e vi fate portare in cima)

Purtroppo non è serata per le foto e lo Skyline più bello al mondo (a mio modesto parere) non è visibile stasera.

Intanto il bagno con la vetrata che abbiamo in camera resta un must di questo viaggio.

Il giorno seguente non possiamo farci mancare il Jumbo Kingdom.

Questo ristorante (il più grande ristorante galleggiante al mondo) sta nel canale di Aberdeen.Qui sono state girate alcune scene di "enter the dragon" con Bruce lee.

Il ristorante è molto turistico, ci sono 3 ristoranti all' interno ognuno sul proprio piano, la cucina e' Cinese classica, trovate anche i nidi di rondine per chi ne fosse interessato.

Il Jumbo Kingdom e suddiviso cosi'...

  • Primo piano ristorante classico con prezzi alti ma ancora abbordabili per chi vuole mangiare al Jumbo
  • Secondo piano: Dragon Court, ristorante di lusso con prezzi adeguati, sul menu' ho visto portate singole da 40 a 100€, facilmente si va via spendendo 150-200 € a testa.
  • Terzo piano :TopDeck bar, che in realta' e' un ristorante , noi siamo capitati li senza prenotazione e per fortuna ci hanno fatto accomodare ugualmente, ma abbiamo dovuto " accontentarci" del self service (ottimo) Sushi,Ribs,Seafood,Pasta,Pollo,Riso,Dolci......siamo usciti sazi €50 a testa prezzo fisso.

Sazi ritorniamo verso il centro e vaghiamo senza meta.

Ci dirigiamo verso lo SKY 100, purtroppo anche qui la vista non e' stata il massimo (grazie foschia, grazie).Prendiamo i biglietti e di conseguenza l'ascensore che ci spara (letteralmente) in una manciata di secondi al 100° piano.

Salutiamo Hong Kong con un drink sul tetto del nostro hotel ,lo sky bar è molto carino e intimo.

Ciao Hong Kong, ci rivedremo presto, questo è solo un' arrivederci alla città più bella del mondo!
Created By
Alexander Kruml
Appreciate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.