WebDoc storytelling giornalistico

WEBDOC è una nuova modalità comunicativa: è una narrazione interattiva sul web (che può anche essere messa su un cd rom, nell’eventualità di allegarlo a pubblicazioni già esistenti o realizzate ad hoc) che prevede una narrazione non lineare e una lettura interattiva, .ipertesto dal taglio giornalistico che nulla ha da invidiare ai più potenti software di editing

scuola pestalozzi

STRATEGIE EFFICACI

La possibilità di coniugare diversi media (video, foto, immagini, audio, testo), la forte interattività (che può arrivare all’user generated content), la guida della struttura (che fugge dallo spaesamento che l’utente può provare navigando su una pagina web) rendono il webdoc uno strumento dall’alta efficacia.

STRUTTURA ELASTICA e DINAMICA

Il webdoc può offrirsi con struttura a cassetti, per creare portfoli, o con struttura arborescente, con una serie di ramificazioni possibili: possono essere attivati percorsi diversi, quali storie, tempi di fruizione o approfondimenti sui quali soffermarsi.

GIORNALISMO – INVESTIGAZIONI – REPORTAGE

Il webdoc è stato definito come “il nuovo orizzonte del giornalismo” per la semplice possibilità di diffusione in tutto il mondo, l’economia dei mezzi e la velocità con cui le informazioni possono essere messe in linea e lette.

Può ospitare tutti i media e quindi toccare con l’umanità di una vicenda mostrando però anche una complessità di dati e statistiche generali. Inoltre può, più semplicemente ed efficacemente rispetto ad altri mezzi di comunicazione, avere un’interattività diretta con l’utente.

Il WebDoc è stato definito come un “giornalismo indipendente” perché può osare, nei contenuti e nella forma, nella durata e negli approfondimenti.

• Perché può avere – e incoraggia l’uso di – un approccio sistemico e olistico, ritenuto fondamentale per una completa azione di informazione/sensibilizzazione.

Perché permette moltissimi approfondimenti (anche di tipo saggistico e/o scientifico) senza per altro essere noioso: a uno sguardo emotivo si coniuga uno sguardo razionale sulla realtà osservata.

• Perché permette diversi livelli di fruizione ed è quindi adatto sia a chi vuole semplicemente farsi un’idea del tema trattato ma anche a chi vuole approfondire la propria conoscenza.

Perché usa un linguaggio innovativo e accattivante, necessario per la comunicazione che non mira solo a un target già interessato e sensibilizzato.

Perché può essere continuamente aggiornato

INDIRIZZO ALBERGHIERO

INDIRIZZO MUSICALE

SCUOLA MEDIA

Il WebDoc si presenta come uno dei migliori strumenti di promozione, perché sfrutta tutte le potenzialità dello Storytelling:

  • coinvolge emozionalmente
  • costruisce una relazione profonda con il pubblico
  • permette un impatto trasversale sui diversi pubblici e arriva anche a chi non sa di essere interessato ai prodotti dell’azienda
  • trasmette valori universali migliorando la reputazione aziendale
  • aiuta a creare una community
  • mette al centro lo studente/attore
  • crea un universo narrativo e valoriale che rimane impresso anche se nel tempo cambiano i prodotti

STRUMENTO DIDATTICO

Il webdoc può essere usato con successo nella didattica.

Perché è multimediale: ospitando insieme testi, immagini, video e audio in un percorso integrato sviluppa una maggior fascinazione e, dunque, una maggior efficacia

Permette moltissimi approfondimenti senza per altro essere noioso: a uno sguardo emotivo si coniuga uno sguardo razionale sulla realtà osservata.

• Perché è lo strumento ideale per portare avanti quello che Kagan chiama l’apprendimento cooperativo: “un nuovo modo di concepire l’apprendimento come costruzione sociale della conoscenza, ma anche per promuovere collaborazione e cooperazione attraverso esercizi pratici e continuati che sviluppano competenze sociali e corresponsabilità”

Perché essendo interattivo dà la possibilità di creare test a risposta multipla e, come in un ipertesto, di portare l’utente su un percorso o sull’altro rispetto alle risposte che dà.

Il WebDoc è l’obiettivo di fornire agli studenti conoscenze di base per introdurli al progressivo sviluppo di un prototipo di Web Documentary. Gli studenti potranno creare un racconto audiovisivo scientifico a cavallo tra il tradizionale documentario e l' innovazione apportata mettendo insieme le modalità del“vecchio” (video, storytelling) e “nuovo” (experience design, interactivity) media skil

Qual è la tua storia?

a) Storytelling nel documentario e nel web-documentary:

  1. concept: soggetto e sceneggiatura ( Chi fa che cosa);
  2. creare un documentario tradizionale e per un web documentary (trattamento contenuti);
  3. scelta dei protagonisti e delle location, ricercare i materiali (archivio/banche dati);
  4. creare e incorporare contenuti multimediali nel progetto;

b) Mind Map: compiere una sintesi del Soggetto/Sceneggiatura generando un concept operativo in forma grafica e ipertestuale;

c) Storyboard:

  1. elaborare uno story board seguendo la traccia della mind map per organizzare l’architettura narrativa del progetto;
  2. definire relazioni fra le sequenze e più genericamente abilitare collegamenti narrativi/associativi fra i diversi contenuti;
  3. visualizzare molteplici percorsi narrativi o ipertesti

d) Content Production= content curation

Grazie per l'attenzione!

Created By
MARIA RITA SEMINERIO
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.