TURCHIA I beni unesco

La Turchia ha attualmente 16 siti iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità e altri 69 siti sono candidati per entrare nella Lista.
LE AREE STORICHE DI ISTANBUL : Istanbul è stata per oltre 2000 anni una città di rilievo, protagonista dei maggiori eventi culturali, politici e religiosi. Ospita capolavori assoluti come l'ippodromo di Costantino, la cattedrale di Santa Sofia e la moschea di Solimano, tutte oggi a rischio per diversi motivi: rivolte sociali, inquinamento industriale e crescita demografica incontrollata.
SAFRANBOLU: fu un'importante stazione commerciale per le rotte Est-Ovest. Possiamo trovare al suo interno :L'antica moschea, gli antichi bagni e il monumento al pascià Süleyman.
HATTUSHA: Il sito archeologico di Hattusha, ex-capitale dell'impero ittita, è un esempio notevole in quanto a organizzazione del piano urbano e tipologia di edifici, tutti ben conservati: si trovano qui templi, residenze reali, resti delle fortificazioni, la porta dei Leoni con le sue ricche decorazioni e la porta reale, insieme ad un complesso di arte su roccia. Durante il secondo millennio a.C., la città ebbe una considerevole influenza su tutta l'Anatolia e la Siria settentrionale.
PARCO NAZIONALE DI GOREME E SITI ROCCIOSI DELLA CAPPADOCIA: Immersa in un paesaggio mozzafiato, interamente scolpito dall'erosione, la valle di Göreme e i suoi dintorni ospitano chiese e santuari rupestri scavati nella roccia, testimonianze dell'arte bizantina. Le residenze, i villaggi agricoli e le città sotterranee possono oggi essere visitati.
GRANDE MOSCHEA E OSPEDALE DI DIVRIGI : nella città di Divrigi lo scià emirato Ahmet fondò una moschea con un ospedale . Le tecniche utilizzate per realizzare l'esterno della moschea, in contrasto con le mura spoglie dell'interno sono caratteristiche dell'architettura islamica.
MONTE NEMRUT: Alla base del rilievo abbiamo tre terrazze: terrazza nord, terrazza ovest e terrazza est che formano il santuario caratterizzato da altari e statue gigantesche.
XANTHOS E LETOON: Questo sito mostra le combinazioni della cultura locale con quella ellenica, specialmente in quanto ad arte funeraria. Le iscrizioni epigrafiche qui rinvenute sono molto importanti per la comprensione di questo popolo scomparso e della loro lingua indoeuropea.
PAMMUKKALE E HIERAPOLIS: corsi d'acqua ricchi di calcite hanno creato a Pamukkale un paesaggio surreale, fatto di boschi di formazioni minerali, cascate pietrificate e bacini a terrazze. Alla fine del II secolo a.C. istituirono il centro termale di Hierapolis. Le rovine delle terme, templi e altri monumenti greci possono essere ancora visitati in quest'area.
SITO ARCHEOLOGICO DI TROIA :Troia, con i suoi 4000 anni di storia, è uno dei più famosi siti archeologici del mondo intero. Le scoperte archeologiche di quest'area sono traccia dei rapporti intercorsi tra le genti dell'Anatolia e la civiltà del Mediterraneo.
MOSCHEA E COMPLESSO DI SELIMIYE E EDIRNE : il complesso é considerato l'espressione più armoniosa mai raggiunta dall'architetto ottomano, un gruppo di edifici costruiti attorno a una moschea gestiti come fossero una singola istituzione.
SITO NEOLITICO DI CATALHOYUK : ospita diciotto livelli di insediamenti neolitici con sistemi di fortificazione, case, dipinti, sculture e altri reperti artistici. La particolarità delle case a Catalhoyuk è l'assenza di strade che ne permettano l'accesso, che è quindi ricavato dal tetto.
BURSA E CUMALIKIZIK: al suo interno troviamo moschee, scuole religiose islamiche, terme e le tombe del fondatore della dinastia ottomana. Il villaggio di Cumalıkızık, era un centro rurale che serviva alla fornitura di viveri per la vicina cittá di Bursa.
PERGAMO: importante centro culturale per tutto il mondo antico. La città divenne un importantissimo centro artistico, considerata quasi una seconda Atene ellenistica. In seguito divenne parte dell'Impero romano.
EFESO: un luogo importante di pellegrinaggio cristiano . Qui troviamo i resti del più celebre monumento di Efeso :il tempio di Artemide. Efeso è stata la terza città più potente del mondo antico dopo Roma e Alessandria d'Egitto.
DIYARBAKIR: città fortificata nell'area della mezzaluna fertile. Il sito comprende i Giardini Hevsel, un collegamento verde tra la città e il Tigri che riforniva la città con cibo e acqua.
ANI : Chiamata la "Città delle 1001 chiese", la città era al crocevia di diverse strade commerciali e i suoi edifici religiosi, palazzi e fortificazioni erano tra i più avanzati, sia a livello tecnico che artistico, del mondo.
Eseguito da: Rossella Tomaselli 4BT

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.