Il guerriglia marketing

Guerriglia marketing (dall'inglese Guerrilla Marketing) è una definizione coniata dal pubblicitario statunitense Jay Conrad Levinson nel 1984 nel suo libro omonimo per indicare una forma di promozione pubblicitaria non convenzionale e a basso budget ottenuta attraverso l'utilizzo creativo di mezzi e strumenti che fanno leva sull'immaginario e sui meccanismi psicologici degli utenti finali. Un intervento di Guerriglia consente di ottenere il massimo della visibilità con il minimo degli investimenti, per questo motivo risulta uno strumento utile alla comunicazione della salute, ambito in cui le risorse economiche disponibili sono spesso limitate.

Un intervento di Promozione della salute che utilizza la tecnica.

  •  Coinvolgere realmente i potenziali destinatari del messaggio
  •  Suscitare curiosità e interesse sul messaggio (e sul tema)
  •  Rendere il messaggio facile da memorizzare e ricordare nel tempo
  •  Utilizzare budget ridotti
Effetto sorpresa”: incuriosire, intrigare e coinvolgere Il messaggio e il mezzo con il quale lo si comunica devono essere originali e devono stupire l’ascoltatore e attirare la sua attenzione. Tutto si basa sulla creatività e sulla capacità di creare qualcosa di innovativo e di effetto.

Diffusione virale”: deve far parlare di sè

Grazie all’originalità e all’effetto sorpresa, il messaggio fa scaturire forti elementi virali, tende cioè a diffondersi tramite il passaparola, fino a ottenere, in particolari situazioni, una risonanza gratuita anche sui media tradizionali come TV, radio e giornali e sulle piattaforme social come Facebook e Twitter.

Effetto community”: coinvolgimento

Questa è forse la fase più difficile, cioè il mantenimento del messaggio tramite la creazione di una community. Lo scopo è far si che le persone si riconoscano parte di una comunità, ne siano coinvolti e di conseguenza mettano in moto un azione/cambiamento.

Effetto community”: coinvolgimento

Questa è forse la fase più difficile, cioè il mantenimento del messaggio tramite la creazione di una community. Lo scopo è far si che le persone si riconoscano parte di una comunità, ne siano coinvolti e di conseguenza mettano in moto un azione/cambiamento. Elementi da considerare nella pianificazione di un’azione di Guerriglia Marketing Studio del target (età, abitudini, interessi, sesso) Location (pubblici/ locali, permessi, attività concorrenti, normative) Timing (eventi, festività, attività urbane, giorno/notte) Creatività (impatto, immediata comprensione, brand identity) L’azione riesce a colpire il pubblico a cui è direttamente rivolta? Ne cattura l’attenzione? Lo coinvolge in prima persona? Si imprime nella memoria? Invita ad essere raccontata ed è facile a raccontarsi? Esprime adeguatamente il messaggio che vuole comunicare? Budget (considerare eventuali partner, sponsor,..per limitare I costi)

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.