Trieste

Trieste, fulcro della regione storico-geografica della Venezia Giulia, fa da ponte tra Europa occidentale e centro-meridionale, mescolando caratteri mediterranei e mitteleuropei. Il suo porto, oggi il più grande e importante d'Italia ed uno degli snodi marittimi più importanti d'Europa, fu il principale sbocco marittimo dell'Impero Asburgico, che nel 1719 gli riconobbe lo status di porto franco. Tutt'oggi il porto rimane di fondamentale importanza per il transito di merci internazionali.

Il porto franco venne mantenuto, con il nome di Porto Libero di Trieste, anche nel trattato di pace fra l'Italia e le potenze alleate del 1947 con il quale veniva istituito il Territorio Libero di Trieste, e più oltre anche nel 1954, quando il Governo Militare Alleato cedette l'amministrazione civile all'Italia in virtù del Memorandum di Londra. Oggi è uno snodo internazionale per i flussi di scambio terra-mare tra i mercati dell'Europa centro-orientale e l'Asia. Ininterrottamente dal 2013 Trieste è il primo porto in Italia in termini di volume complessivo di merci in transito, con più di 56 milioni di tonnellate.

Terminal IV - Porto di Trieste
Piazza Unità d'Italia
Parco di Miramare

Il parco di Miramare, un tempo il terreno dove sorge il parco era privo di vegetazione, ora ha una superficie di 22 ettari, sorge su un promontorio roccioso a picco sul mare Adriatico. Il sito è stato progettato e organizzato da Carl Junker, per volere dell'arciduca Massimiliano che ha seguito con attenzione la costruzione della sua residenza. Per quanto riguarda l'aspetto botanico, inizialmente è stato interessato Josef Laube, poi sostituito nel 1859 da Anton Jelinek, un boemo che aveva preso parte alla spedizione del giro del mondo della fregata Novara.

Il parco, su cui i lavori sono iniziati nel 1856, rappresenta un classico esempio di impianto artificiale misto di essenze forestali, alberi e cespugli che riesce a fondere il fascino di un ambiente tipicamente del Nord in un contesto mediterraneo. In contrasto con il giardino barocco, quello inglese, su cui è modellato Miramare, introduce un nuovo rapporto con la natura, frutto di una sensibilità diversa verso il mondo materiale.

Castello di Miramare

Affacciato sul golfo di Trieste, è situato a pochi chilometri a nord del capoluogo (circa 6 km dalla Stazione Centrale).

Miramare è la forma italianizzata dell'originale Miramar, derivante dallo spagnolo "mirar el mar", in quanto Massimiliano d'Asburgo nel visitare il promontorio che lo ospita, fu ispirato dal ricordo di castelli spagnoli affacciati sulle coste dell'oceano Atlantico.

Il castello è circondato da un grande parco di circa 22 ettari caratterizzato da una grande varietà di piante, molte delle quali scelte dallo stesso arciduca durante i suoi viaggi attorno al mondo, che compì come ammiraglio della marina militare austriaca.

Created By
Antonio Vittozzi
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.