Loading

Vivere in eterno santissimo corpo e sangue di cristo

Domenica 14 giugno 2020

Per iniziare

Scegli un momento e un luogo adatto alla preghiera. Fai il segno della croce. Chiedi allo Spirito di donarti un cuore capace di ascoltare la Parola. Fai entrare il Signore nella tua vita.

Incontro alla Parola

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».

Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». (dal vangelo secondo Giovanni 6, 51-58)

Il Tuo volto io cerco

Nel cuore di ognuno di noi è presente un anelito di infinito: sogniamo di essere importanti, di essere qualcuno, di lasciare un segno. Solitamente questi sogni ci portano a mettere al centro noi stessi, a cercare di diventare grandi senza pensare agli altri. In questa domenica, in cui la Chiesa celebra il ss. Corpo e Sangue di Gesù, siamo invitati a cambiare rotta. La felicità non si trova nel pensare solo ai nostri interessi, ma nell'uscire da noi per andare incontro agli altri. L’Eucaristia ci dona l’opportunità di fare esperienza dell’Amore di Dio. Gesù ci ha donato questo pane, cibo del quotidiano, per ricordarci che la nostra vita per avere senso deve riempirsi di amore, di amore vero, quell'amore che ci muove e ci porta a donarci totalmente agli altri come Lui si è donato totalmente a noi.

Il pane dell’Eucaristia è pane di fraternità che mi scuote, mi fa sentire amato, e mi chiama a “lottare” per il bene degli altri.

Donami, dunque, o Signore fame di questo pane, fame d'amore, fame di questo sguardo d'Amore verso i miei fratelli più soli.

La Tua Parola diventa la nostra preghiera

dal Salmo 147

Rit. Loda il Signore, Gerusalemme.

Celebra il Signore, Gerusalemme, loda il tuo Dio, Sion, perché ha rinforzato le sbarre delle tue porte, in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli. Rit.

Egli mette pace nei tuoi confini e ti sazia con fiore di frumento. Manda sulla terra il suo messaggio: la sua parola corre veloce. Rit.

Annuncia a Giacobbe la sua parola, i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele. Così non ha fatto con nessun'altra nazione, non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi. Rit.

Credits:

Creato con immagini di Christopher Rusev - "Autumn loading." • Aaron Burden - "untitled image" • Nathan Dumlao - "untitled image" • Rémi Walle - "untitled image"