Il Progetto del Comune di Verdellino ESPERIENZE VIRTUOSE. IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI DI BUONE PRASSI A KM0

Dal sito della Provincia di Bergamo

questo bando ha posto l'accento sul tema della sostenibilità, che è stato messo al centro del progetto proposto e declinato nelle 4 macro-aree previste: ambiente, agroalimentare, lavoro/welfare e turismo.

"Abbiamo voluto porre l'accento su un nuovo modo di intendere l'economia e lo sviluppo, basato sulla sostenibilità del territorio premiando proposte innovative in grado di attivare nuove sinergie tra enti e idee innovative per tutta la comunità - spiega il presidente Rossi - . Siamo veramente orgogliosi di essere riusciti a portare a termine questa terza fase di finanziamenti, nonostante le note fatiche nel far quadrare il bilancio”.

Comune di Verdellino : 10mila euro

Un Progetto che coniuga educazione alimentare, inclusione sociale e promozione di un'agricoltura urbana diffusa nell'area di Zingonia

... Dalla premessa al progetto di candidatura

…Il Comune di Verdellino e le sue compagini istituzionali e sociali da tempo stanno investendo su progettualità che vedono la terra e la relazione con la terra al centro dell’attenzione. Una terra che dà (opportunità di apprendimento, beni, occasioni di relazione e di condivisione), ma che riceve (attenzioni, intenzioni, cure). Una terra che per troppo tempo è stata dimenticata ad abbandonata. Perdendone di senso: non che non lo avesse. Semplicemente non si era più in grado di comprenderlo, il senso.

Hanno così preso avvio esperienze di avvicinamento che stanno mostrando i loro benefici. Tra i tanti: il benessere psico-fisico e sociale di chi è curato e di chi se ne prende cura. Il desiderio è di contaminare ed alimentare i legami di vicinato, affinché buone prassi efficienti ed efficaci possano essere esportate ed estese.

Così che il beneficio di pochi diventi il beneficio di molti. Questo già sta avvenendo all'interno della comunità locale (scuole, spazi pubblici, spazi condominiali) ma vorremmo che avvenisse anche oltre i confini della nostra città. Ed è facile pensare che abbia un senso, vista la contiguità geografica e il legame tra le parti.

Stiamo parlando dei Comuni che afferiscono, insieme a VERDELLINO, Comune capofila del progetto, all’area di ZINGONIA: BOLTIERE, CISERANO, OSIO SOTTO, VERDELLO

legati da intrecci istituzionali, amministrativi, ambientali, educativi, geografici, sociali.

Quali i principi fondanti il progetto?

Quali i principi fondanti il progetto?

1. l’educazione alimentare è sempre più oggetto di interesse da parte degli enti preposti storicamente a compiti educativi, quali in primis la scuola. Tocca temi quali la promozione dei valori, gli stili di vita, le capacità e competenze, la riduzione dello spreco,

2. vista l’impossibilità, da parte di un buon numero di famiglie, di soddisfare bisogni di sussistenza, vi è un progressivo recupero del legame con la terra in quanto opportunità per poter appagare i bisogni in una ottica di sostenibilità

3. il lavoro con e per la terra, camminare a piedi nudi sulla terra, sedere a contatto con la terra, assaporare la terra, migliora il benessere psico-fisico e sociale delle persone

4. Il lavoro con e per la terra diventa l’occasione per costruire relazioni e forme di mutualità tra le famiglie

5. Il cibo è l’espressione delle culture e delle identità

6. L’implementazione di spazi e luoghi deputati alla produzione favorisce la produzione di beni a KM0. Il territorio ne diventa così diretto beneficiario

. Una buona educazione alimentare è efficace se vede coinvolta la comunità tutta. In un circolo virtuoso tra produttori, educatori, fruitori/beneficiari

Un’esperienza da coltivare e condividere: il Melting ORT e ORIZZONTE ZINGONIA

Un’esperienza da coltivare e condividere

Un’esperienza da coltivare e condividere: il Melting ORT

La creazione di un orto didattico all'interno dell’Istituto Comprensivo di Verdellino non ha solo molteplici valenze didattiche ma riveste, nel contesto territoriale in cui esso si colloca, anche un forte ed emblematico significato sociale, grazie alla stretta collaborazione avviata sin dall'inizio con gli operatori degli orti sociali e con i loro referenti: l’orto didattico svolge così una funzione di “ponte” fra: i vari soggetti della comunità in campo su questi temi; le tante culture presenti; le diverse generazioni.

Pur consapevoli che si tratta di un’esperienza in divenire, si ritiene significativo poter condividere il modello di rete sociale creatosi e, soprattutto, valorizzare quanto è stato attuato in questi primi mesi: dalla progettazione partecipata e condivisa, alle esperienze realizzate “sul campo”.

Al progetto di educazione alimentare e ambientale parteciperanno anche le altre tre istituzioni scolastiche che afferiscono al territorio di Zingonia:

Istituto comprensivo di Verdello, Istituto Comprensivo di Ciserano – Boltiere, Istituto Comprensivo di Osio Sotto.

Le risorse del bando consentiranno di ampliare ed estendere i percorsi di formazione e di educazione ambientale e alimentare a docenti e discenti di tutte le scuole coinvolte, con l’ausilio anche di esperti esterni: ad essi sarà demandata la realizzazione di attività formative rivolte a docenti e studenti dei quattro istituti comprensivi coinvolti, attraverso lezioni teoriche, adeguate ai discenti di ciascun ordine di scuola, e mediante attività pratiche volte a valorizzare l’importanza dei processi produttivi e da realizzare direttamente nell’orto didattico dell’istituto comprensivo di Verdellino – Zingonia.

Queste esperienze dovranno, successivamente, essere trasferite nelle diverse scuole laddove, anche se non in presenza di orti strutturati, è sempre possibile sperimentare forme di coltivazione nei giardini e negli spazi verdi di pertinenza e potranno essere voláno per la definizione di percorsi didattici strutturati che possano contribuire a sollecitare l’amore per la terra e per il nostro patrimonio naturale.

Alle azioni formative si aggiungeranno attività di laboratorio

AZIONE 1.1. Le azioni formative di educazione alimentare e ambientale

Le attività saranno effettuate sia presso le scuole degli istituti, sia presso l’orto didattico dell’istituto comprensivo di Verdellino Zingonia che metterà a disposizione le attrezzature del laboratorio di scienze della Scuola Secondaria di Primo Grado per effettuare analisi delle acque, analisi del terreno, attività di microscopia ottica, misurazione di parametri ambientali.

AZIONE 1.2. I laboratori creativi

Imparare facendo: paradigma essenziale per consentire ai ragazzi di apprendere anche nuove forme di comunicazione. Un piano di comunicazione specifico potrà essere attuato grazie agli “Orto Point”, alla “segnaletica degli orti” e alla “OrtMap” digitale.

OrtoPoint

saranno realizzati degli “infopoint” nei pressi degli orti attivi all'interno del Comune di Verdellino; piccole strutture in legno, riportanti mappe, planimetrie e informazioni sintetiche che saranno realizzate dagli studenti delle scuole secondarie di primo grado, seguiti dalla rete dei volontari e degli esperti artigiani locali.

Segnaletica degli orti

fornire indicazioni stradali chiare e semplici per raggiungere i luoghi dove sono ubicati gli orti è fondamentale per favorire la realizzazione di percorsi itineranti mirati a favorire la conoscenza delle pratiche orticole. Alla segnaletica stradale potranno lavorare, sempre con l’aiuto dei volontari, gli alunni delle scuole primarie e, opportunamente seguiti, anche gli alunni delle scuole dell’infanzia. In questo ordine di scuola specifico, si potrà utilizzare una mappa semplificata del territorio per realizzare attività di “coding” mediante i robot programmabili già disponibili in ogni plesso delle scuole dell’infanzia di Verdellino, al fine di attivare percorsi mirati allo sviluppo di competenze digitali interconnessi strettamente con le competenze sociali e civiche.

"OrtMap" digitale

grazie agli strumenti messi a disposizione da Google Maps, sarà realizzata una mappa interattiva degli orti, pubblicata sul sito web dell’istituto comprensivo di Verdellino nella sezione dedicata all'orto didattico e sul sito del Comune di Verdellino.

Per ciascun punto saranno riportate fotografie, brevi descrizioni, caratteristiche tecniche e progettuali di ciascun orto mappato.

Le attività di realizzazione delle mappe digitali potranno essere effettuate, nel concreto, durante le ore di informatica curriculare della scuola secondaria di I grado, ma coinvolgeranno le diverse discipline per la corretta stesura dei testi, pubblicati anche in inglese e francese; per un corretto approccio alla fotografia ambientale si potrà richiedere il supporto del locale circolo fotografico di Verdellino.

Le attività elencate e le attività già in essere relativamente al “Melting Ort” saranno condivise con le scuole del territorio che parteciperanno al progetto e, a tal fine, si potrà realizzare una specifica “rete di scopo”, la cui attuazione è prevista dalla Legge 107/2015, per garantire uno sviluppo unitario, armonico e coordinato delle attività di progetto, favorendo l’inserimento dei percorsi di educazione ambientale e alimentare nei piani dell’offerta formativa dei singoli istituti, con l’obiettivo di “fare rete” e creare un modello diffuso di buone pratiche, tali da coinvolgere, grazie all'elevato numero di studenti coinvolti, gran parte della popolazione del territorio interessato.

ORIZZONTE ZINGONIA: un progetto di Agricoltura Urbana Diffusa in divenire

Una delle piste di lavoro intraprese fin dall’inizio da Orizzonte Zingonia è quella della COLTIVAZIONE DELLA TERRA, intesa come esperienza non individuale, ma collettiva, in grado di produrre significati e ricadute sociali di grande portata non solo per le persone e le famiglie che vi sono coinvolte direttamente, ma per l’intera comunità locale.

Dall’orto sociale ad un progetto di AGRICOLTURA URBANA DIFFUSA

Da questo primo presidio di cittadinanza attiva ha iniziato a prendere piede un percorso più ampio che ha visto nascere, grazie al contributo fattivo degli ortaioli di Viale Oleandri, altre esperienze di coltivazione della terra:

  • l’orto didattico dell’IC di Verdellino
  • l’orto nel nido comunale
  • il 2° orto e frutteto sociale in Viale Oceania (che verrà inaugurato nella prossima primavera).

AZIONE 2.1. NEL FANTASTICO ORTO DI OZ.

Estensione del modello sperimentato a Verdellino, negli altri 4 comuni dell’area di Zingonia

Anche negli altri comuni dell’area di Zingonia sono presenti esperienze di orti urbani, avviate secondo il modello che ha prevalso allo stesso modo in altre zone della provincia: ovvero l’affidamento di lotti di terra a singole persone, ognuna impegnata unicamente per il suo pezzo.

L’azione prevede un primo passaggio di coinvolgimento degli amministratori locali dei 5 comuni, per elaborare una "vision" condivisa e le linee guida di un modello di esperienza sociale di coltivazione della terra, esportabile in tutto il territorio di Zingonia, che abbia fra le sue peculiarità quella del confronto e dell’integrazione di conoscenze, pratiche, culture e soprattutto persone provenienti da punti diversi del pianeta.

Il secondo passaggio chiama in causa gli “ortaioli” impegnati negli orti comunali già avviati, con il fine di introdurre elementi evolutivi già sperimentati a Verdellino, in grado di mettere in evidenza il potenziale comunitario che può scaturire in questi contesti.

Il terzo passaggio va nella direzione di ampliare in tutti i comuni, sia la superficie di terra coltivata, sia il numero di persone che coltivano.

L’ultimo passaggio è l’organizzazione di un meeting degli orti di Zingonia che permetta, a tutte le persone interessate di orticoltura, di incontrarsi e confrontarsi, scambiando informazioni, buone pratiche, semi e piante.

AZIONE 2.2. DALLA TERRA AL PIATTO: UNA FILIERA VIRTUOSA.

Sperimentazione di un micro progetto di produzione di verdura e frutta biologica destinate alla vendita

A Verdellino è arrivato il tempo di avviare un’ulteriore innovazione in tema di coltivazione della terra e quindi di produzione e consumo locale di cibo. La presenza di numerose aree verdi non finalizzate, sia pubbliche, sia private e la contemporanea esistenza a Verdellino di un gran numero di persone sotto-occupate e quindi in condizioni di fragilità economica e sociale, apre alla possibilità di sperimentare micro progetti di produzione di verdura e frutta biologica da non destinare all'autoconsumo, ma alla vendita locale, attraverso canali già presenti e disponibili come: il GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) di Verdellino e eventualmente quelli presenti negli altri 4 comuni; il mercato settimanale del giovedì; la SIARC, azienda che gestisce la mensa scolastica (in via di definizione le modalità di collaborazione); negozi di biologico presenti nell'area di Zingonia.

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.