IL DISCEPOLATO NEL MINISTERO DI INTERCESSIONE (Percorso 1) Flora Chan

”Il Signore, l’Eterno, mi ha dato la lingua dei discepoli perché sappia sostenere con la parola lo stanco; egli mi risveglia ogni mattina, risveglia il mio orecchio, perché io ascolti come fanno i discepoli. Il Signore, l’Eterno, mi ha aperto l’orecchio e io non sono stato ribelle, né mi sono tirato indietro”. (Isaia 50, 4-5)

I GESÙ NOSTRO MODELLO DA IMITARE

• Gesù aveva una base di preghiera

• Sempre cercava la solitudine per pregare (Mc 1,35; 6.46; Lc 5.16)

• Il suo ministero rifletteva il frutto della sua preghiera

II LA PREGHIERA DI UN DISCEPOLO

1. La vita di preghiera di un discepolo

• Lasciare che lo Spirito Santo prenda possesso

• La preghiera che entra nel cuore del Signore (Lc 5,16)

• In collegamento con Dio per crescere in virtù e relazioni con gli altri

• Aprirsi ai doni di santificazione

• Essere un ministro che non permette alla carne di interferire

• Combattere il peccato e annullare tutto ciò che è negativo

2. Il discepolato nel ministero

• Non fare qualsiasi preghiera

• Secondo la chiamata

• In unità nel ministero

• Scioltezza e fluidità nei doni dello Spirito Santo

III IL MODO DI PENSARE DI UN DISCEPOLO

3. Rivestiamoci con la mente di Cristo

• Efesini 4,22-24 e Filippesi 2, 5

• Rivestitevi di Cristo (Col 3,10-14)

• Solo così si riflette il vero carattere

• Vivendo nella potenza trasformatrice della bontà di Cristo

IV IL COMPORTAMENTO DI UN DISCEPOLO

• In ricerca costante della santità.

• Disposto a cambiare il proprio carattere

• Lascia che lo Spirito Santo gli mostri le proprie debolezze e le combatte

• Obbediente ai compiti assegnati

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.