Didattica della ricerca, selezione e organizzazione di informazioni nel web. Corso di Formazione Neoassunti 2017 - IIS LAGRANGIA, Vercelli Formatore: Cinzia Ordine

PNSD 4.2: LE COMPETENZE DEGLI STUDENTI

La Buona Scuola parte dalla consapevolezza che i nostri studenti, proprio perchè immersi in una società tecnologicamente ricca e pervasa da media e tecnologie digitali, non possono essere lasciati soli. Serve accompagnarli nello sviluppo delle competenze che servono. La sfida formativa che abbiamo davanti è oggi relativa in primo luogo alla capacità di reperire, comprendere, descrivere, utilizzare, produrre informazione complessa e strutturata, tanto nell’ambito scientifico e tecnologico quanto in quello umanistico e sociale. (Azione #14 - Un Framework Comune Per Le Competenze Digitali Degli Studenti)

DIDATTICA E RISORSE IN RETE

Già dal 2001 la commissione per il riordino dei cicli suggeriva di strutturare il curricolo in modo tale da fornire a tutti gli studenti strumenti concettuali e abilità necessarie ad organizzare informazioni, dati e conoscenze.

In particolare la didattica del terzo millennio deve mirare a sviluppare la capacità di selezionare, nel campo infinito delle informazioni disponibili, quelle pertinenti e significative. Lo scopo è quello di accostare gli studenti ad un metodo per un accesso significativo alla conoscenza, utile non solo nel corso di eventuali studi successivi, ma anche per un costante aggiornamento professionale e di life-long learning.

REPERIRE RISORSE IN RETE: L'INFO-DETECTIVE

Con il neologismo "info-detective" si vuole indicare colui che sa raccogliere nel web informazioni in modo efficace ed efficiente, come un vero e proprio detective. Inoltre l'infotective deve saper rappresentare e rielaborare i dati trasformandoli in conoscenza utile a risolvere i problemi.

Parlando di "info-detective" ci si riferisce a:

  • DOCENTI: per i quali reperire risorse in rete è indispensabile avendo come obiettivo quello di portare in aula una didattica attiva e vitale.
  • STUDENTI: che, sotto la guida degli insegnanti, devono imparare a districarsi nel mondo complesso della rete e a scegliere le fonti più attendibili, selezionandole e finalizzandole allo scopo della loro ricerca.

STRUMENTI UTILI PER APPROFONDIRE

Tutto quello che vorremmo sapere dal manuale di Google. Molto dettagliato...forse troppo.

Si tratta di un utilissimo percorso didattico con tanto di esercizi passo passo indirizzato specificatamente agli studenti dell'ultimo anno di superiori, per la preparazione della "famigerata" tesina. Ma a mio parere è uno strumento utilissimo per i docenti e gli studenti dalle scuole medie in avanti.

Irrinunciabile catalogo delle principali risorse istituzionali in rete organizzato per categorie: Motori di ricerca, Istituzioni pubbliche italiane, Programmi, Manuali, Multimedia, Biblioteche, Editoria, Musei, Università, Scuola e Didattica, Discipline scolastiche. Ce n'è per tutti i gusti...

Un motore dedicato alla ricerca di file pdf. Semplice ma utilissimo

Sintesi per neofiti

Un po' più di approfondimento e qualche curiosità...

Dal sito ufficiale di Google una panoramica sulla società e sulla sua mission.

Approfondiamo: il WEBQUEST

Cos'è il Webquest? Quando nasce come pratica didattica?

Bernie Dodge, l'inventore del WebQuest (1995)

Bernie Dodge illustra per la prima volta la metodologia del Webquest nell'articolo del 1995 dal titolo "Some Thoughts About WebQuests".

In quest'articolo egli parte dalla considerazione che ormai Internet sta ampiamente prendendo piede nelle scuole americane, senza tuttavia che esista un'idea sufficientemente precisa, e comunque adeguatamente fondata su base pedagogica, di come servirsene per arricchire le attività di insegnamento.

Un Webquest ha come obiettivo quello di rendere efficace il tempo speso dagli allievi nella loro attività di navigazione in internet. La rete può infatti essere dispersiva quando non venga utilizzata avendo chiari gli scopi per i quali ci si rivolge alle informazioni in essa depositata.

Il Webquest ha lo scopo di integrare le nuove tecnologie all'insegnamento, creando un ambiente di apprendimento sufficientemente semplice. Secondo la definizione di Dodge, un webquest è un'attività da svolgersi in internet, basata sul problem solving. Le informazioni (in tutto o in parte) di cui necessitano gli studenti sono delle risorse selezionate del cyberspazio.

Bernie Dodge distingue due modalità di utilizzo della metodologia del webquest in classe: una dà luogo a dei webquest di breve durata, l'altra ad attività più strutturate che coprono periodi più lunghi di tempo. Un webquest di breve durata, coprendo l'arco di due-tre lezioni, prevede soprattutto l'acquisizione di dati conoscitivi e una loro rielaborazione in un testo di sintesi, in una mappa concettuale, in un diagramma di flusso.

Un webquest a lungo termine, invece, coinvolge capacità di pensiero più sofisticate. Nel webquest a lungo periodo si può pensare di indurre lo studente ad analizzare approfonditamente un qualche corpus conoscitivo, di elaborarlo per dimostrare una comprensione autentica del materiale, producendo un prodotto che, sottoposto, al giudizio sociale possa essere giudicato accettabile.

Descrivendo la struttura fondamente di un webquest, Dodge propone il seguente schema:

1. Introduzione: fornisce le informazioni di base

2. Compito: descrive quale compito debba svolgersi;

3. Risorse: individua le risorse occorrenti per portare a termine efficacemente il compito assegnato. Delle risorse fanno parte tanto le risorse elettroniche, sia quelle predisposte ad hoc dal docente ed inserite in apposito sito, sia quelle liberamente fruibili nella rete, precedentemente visitate e recensite dal docente, quanto altro tipo di risorse, come i libri reperibili nella biblioteca della scuola o in altra biblioteca pubblica o privata, indirizzi e-mail o numeri telefonici di esperti a cui potersi rivolgere per ricevere risposta a quesiti utili alla soluzione del compito assegnato;

4. Processo: una descrizione del processo che gli studenti debbono mettere in atto nella effettuazione del compito;

5. Suggerimenti: si tratta di consigli che vengono offerti dal docente allo scopo di aiutare gli studenti ad organizzare le informazioni acquisite. I suggerimenti possono darsi sotto forma di domande a risposta più o meno giudata, consistere in griglie organizzative, in mappe concettuali, in schemi causa-effetto, ecc.

6. Criteri di valutazione: è lo spazio in cui si spiegano quali saranno gli obiettivi da raggiungere in quanto a conoscenze, abilità e competenze e con quali indicatori e punteggi verranno valutate;

7. Conclusione: è il momento che ricorda agli studenti cosa hanno imparato e li consiglia su come successivamente ampliare l'esperienza per acquisire ulteriore conoscenza.

Un webquest funziona meglio come attività di gruppo in cui si assegni un ruolo oltre che un compito (del tipo: siete dei detective, siete un funzionario di un'agenzia governativa...). Il ruolo potrebbe essere accompagnato da un piano d'azione (del tipo: siete stati incaricati di ritrovare..., dovete man mano che acquisite le vostre informazioni informare i vostri superiori utilizzando la posta elettroncia...). Sotto questo profilo i webquest possono configurarsi in una molteplicità di modi:

  • possono assumere l'aspetto di data-base organizzati dagli allievi;
  • possono configurarsi come dei veri e propri "micromondi", attraversabili dagli utenti alla stregua di veri e propri spazi fisici;
  • possono proporre una storia o un'inchiesta interattiva;
  • possono darsi nella forma di un blog che analizzi una situazione controversa, sollecitando gli utenti ad aggiungere le loro considerazioni ove non si trovino d'accordo con le tesi sostenute nel documento stesso;
  • possono, ancora, proporre delle interviste immaginarie a personaggi reali o immaginari, dopo aver acquisito una molteplicità di informazioni, sí da rendere l'intervista stessa verosimile

Se poi, infine, si propone di pubblicare i webquest in rete si conseguono alcuni scopi fondamentali: innanzitutto si inducono gli allievi a porre la loro attenzione su un'operazione di digitalizzazione pubblica, capace di indurre effetti di certo interessanti, verificabili attraverso il feedback che può aversi da parte degli utenti delle proprie pagine web; secondariamente si propongono dei modelli che altre classi, anche geograficamente distanti, potrebbero assumere a riferimento della loro attività.

Una proposta di Marco Guastavigna: un webquest per spiegare il webquest

Created By
Cinzia Ordine
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.