Loading

portatelovunque Una startup tra arte, design e moda

Chiara Di Cillo startupper innovativa e designer di "portatelovunque" e vincitrice di Lazio Creativo nel 2015.

Ha lanciato una campagna di crowdfunding su Ulele, per creare oggetti artigianali grazie al connubio tra etica ed estetica.

Sono una nomade delle arti visive, figlia di un’appassionata di mercatini delle pulci e di un motociclista “aggiustatutto” per vocazione.
Fin da piccola ho cercato la strada per trasformare le idee in oggetti. Dopo essermi laureata in architettura mi sono specializzata in design. Amo la grafica ma anche la fotografia e la musica, rigorosamente rock anni ’70. Sono tanti i progetti a cui sono legata.
Nel 2013 ho avuto l’onore di lavorare per la realizzazione grafica dell’opera “Darwin l’evoluzione?” basata sul famoso disco del gruppo progressive Banco del Mutuo Soccorso. L’anno successivo ho invece realizzato il promo del video “L’eco degli aranci”, uno spettacolo teatrale sulla mafia e sono stata selezionata come designer nel team italiano per Startup Bus, la competizione che permette a giovani startupper europei di creare un'impresa in 48 ore a bordo di un bus. Nel 2015 ho vinto il bando Lazio Creativo, iniziando a vestire i panni di imprenditrice creativa con "portatelovunque"

Parlare con Chiara è un piacere. È un fiume in piena. Ha l’entusiasmo delle persone che amano il proprio lavoro.

Faccio del riuso il mio mantra, della mia allergia al nichel la cartina al tornasole nella scelta dei materiali. La musica diventa la mia cifra stilistica, perché le mie borse hanno lo stesso diametro dei 33 giri e ognuna è associata a una canzone .

Com’è nata la tua idea imprenditoriale?

Per una esigenza personale. Essendo allergica, devo seguire una dieta particolare e sono perciò costretta a portare con me il pranzo. Ho quindi realizzato una borsa a tracolla che, per l’occasione, si trasforma in un comodo zaino e in un porta pranzo, recuperando il materiale da una muta da sub regalatami da un’amica, di cui ho sfruttato le caratteristiche impermeabili e termiche. Poco dopo, spinta da una amica, ho candidato la mia idea al bando Lazio Creativo ed eccomi qui.
Ora "portatelovunque" non è solo una borsa, è un brand! Nel tempo la “famiglia” si è allargata: pochette, bustine, mousepad, porta bottiglie e porta birre indossano sorrisi e vanno a tempo di musica! Lazio Innova mi ha supportato mettendomi a disposizione i laboratori del FabLab dello Spazio Attivo di Roma Casilina, dove ho avuto modo di sperimentare i materiali e di prototipare i nuovi prodotti. Questo mi ha aiutato a velocizzare il processo produttivo e creativo. Gli Spazi Attivi sono importanti perché qui è possibile confrontarsi con altre aziende e startup, anche se operano in settori diversi.

Ad aiutare Chiara nella produzione c’è la sartoria Lakruna che fa parte del progetto sociale gestito dalla cooperativa Aton, incontrata nello Spazio Attivo.

Mi diverto ad utilizzare materiali appartenenti al mondo della nautica o tappezzerie di macchine d'epoca. La cosa bella è che ogni prodotto è realizzato artigianalmente. Le cuciture finali sono realizzate a mano da Lakruna, un’impresa sociale che favorisce il reinserimento lavorativo di sarte provenienti da percorsi di fragilità. Si tratta di donne che hanno avuto la volontà di trasformare l’attività laboratoriale di sartoria, svolta per anni nel Centro Diurno Sperimentale Gattamelata, in una vera impresa sociale da gestire in proprio.
100% made for smile è il mio motto. Hai mai visto oggetti che ti sorridono? Il "sorriso", rappresentato sui vari prodotti firmati "portatelovunque", ha la funzione di mettere di buon umore l'acquirente e creare subito empatia. Declinato sui vari oggetti sotto forma di tasca, a contrasto, con stoffe particolari, texture sgargianti o eco-pelle, il fine è sempre quello di strappare un sorriso. Anche uno degli oggetti più piccoli, come il tappetino per il mouse, ha la tasca imbottita per poggiare il polso con uno “smile”. Mi piace pensare che sorrida alla persona che passerà ore davanti al pc.

Che cosa vuoi dire a chi vuole intraprendere un percorso simile al tuo?

Non c'è un consiglio giusto da dare. Posso solo dire che credo che ciascuno di noi debba seguire il proprio istinto e assecondare sempre le proprie passioni.

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.