SCRIVERE… PER DOVERE E PER PIACERE Lorenzo franzetti

Lorenzo Franzetti — tra passione e determinazione

Nato e cresciuto ad Angera, città in provincia di Varese, da una famiglia di artigiani costruttori di biciclette, Lorenzo Franzetti ha saputo coltivare non una, ma ben due passioni che gli hanno cambiato la vita:

LA SCRITTURA

ED IL CICLISMO

Franzetti sognava fin da piccolo di diventare giornalista così, quando raggiunse il suo obiettivo e cominciò a lavorare come cronista per un giornale sportivo di Milano, dove raccontava le cronache delle gare ciclistiche, iniziò anche la sua vita da pendolare.

Questa vita lo costringeva a spendere una buona parte del suo tempo sul treno che dalla stazione di Sesto Calende, sul lago maggiore, lo portava a Musocco, quartiere periferico di Milano: sede della redazione in cui lavorava.

È proprio questa condizione di pendolare, lunghi tempi passati in treno accanto a tante persone diverse, che gli ispira la narrazione della condizione e delle caratteristiche di questi personaggi. Comincia a pubblicare questi racconti sul suo blog (link sotto citato) riscontrando un certo seguito, una delle caratteristiche di questi racconti che descrivono i suoi colleghi di viaggio, in parte reali ed in parte verosimili, è quella di essere brevi tanto da essere letti durante un viaggio in treno.

Visto il successo di questi brevi racconti, Franzetti li raccoglie in un libro dal titolo "Dove finisce Milano - Nebbia, pendolari e altre storie" pubblicato nel 2011.

Il libro esordio di Franzetti, composto dai racconti pubblicati sul suo blog, ha come obiettivo principale quello di condividere e far conoscere al lettore gli avvenimenti quotidiani che circondano la vita di un pendolare. Inoltre tratta dell'amara condizione di vita nella periferia di Milano. Un lato della città difficile da immaginare, non stiamo parlando del Duomo, del Quadrilatero della Moda, dei grattacieli... ma della zona che si stanzia a nord del Cimitero Maggiore. Un quartiere che, a differenza del centro città, mette in evidenza il confronto ed i contrasti causati dal degrado e ci mostra luoghi dall'aspetto crudo e triste, che hanno causato nello stesso Franzetti una sensazione di "puzza" simile all'odore di un minestrone.

Dall'inizio del 2016 Franzetti fa una scelta di vita che lo porterà ad abbandonare il lavoro da giornalista per dedicarsi alla "Bottega del Romeo" ad Ispra, una "officina" per la costruzione di biciclette fondata da suo nonno.

Passa quindi dal raccontare le cronache delle gare ciclistiche ad occuparsi della costruzione di biciclette fatte in casa.

"La Bottega del Romeo - e altri racconti" di Lorenzo Franzetti (2015, Bolis Edizioni)
FRANCESCA RAIMONDI

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.