Loading

PRESENTA

Evento per chi ama le parole

CON

PAOLO COLAGRANDE - Le parole ti guardano

PAOLO COLAGRANDE, Piacenza, 1960. Ha pubblicato i romanzi Fìdeg (Alet) (Premio Campiello opera prima 2007 e finalista Premio Viareggio 2007), Kammerspiel (Alet), Dioblù (Rizzoli), Senti le rane (Nottetempo) (Premio Campiello 2015 - selezione giuria dei letterati), La vita dispari (Premio Campiello 2019 - selezione giuria dei letterati, finalista Premio Moncalieri e Premio Asti Appello).

GILBERTO Corbellini - Leggere e pensare (criticamente): tra narrazione e conoscenza

GILBERTO CORBELLINI, direttore del Dipartimento di scienze sociali e umane, patrimonio culturale (Dsu) del CNR. La sua ricerca si è orientata anche verso l'esame delle radici storiche e culturali delle controversie bioetiche. Nei suoi libri, articoli e interventi pubblici difende un'idea non confessionale della bioetica, che ha radici filosofiche in uno scetticismo morale radicale, naturalistico e non relativista (Bioetica minima. Una guida per perplessi, Mondadori 2016 - con Chiara Lalli). Collabora regolarmente, dal 1997, al supplemento culturale Domenica del Sole 24 Ore. È stato per dieci anni copresidente dell'Associazione Luca Coscioni per la Libertà di Ricerca Scientifica, è presidente della Fondazione Antonio Ruberti, ha fondato e codiretto la rivista di cultura scientifica “darwin” e ha fatto parte, dimettendosi dopo un anno, del Comitato Nazionale per la Bioetica.

ALESSANDRA Falconi - Atelier digitali in biblioteca

ALESSANDRA FALCONI, responsabile del Centro Zaffiria e del Centro Alberto Manzi. È esperta di educazione ai media. Progetta giocattoli e materiale didattico in collaborazione con la Casa Editrice Erickson e con il marchio Italiantoy. Ha formato insegnanti e educatori in Giappone, Korea, Senegal e Europa. Con RaiScuola, ha curato il ciclo di trasmissioni “Alberto Manzi. L’attualità di un maestro”.

TERESITA Gravina - Porta il patrimonio culturale in classe con Europeana

TERESITA GRAVINA, dal 2007 ha lavorato come docente di Scienze nella Scuola Secondaria di 2°grado, attualmente insegna Matematica e Scienze nella scuola secondaria di 1° grado e come docente a contratto presso l'Università Guglielmo Marconi, (Roma). È membro del comitato per l'educazione dell’European Geological Union, fa parte del direttivo ANISN nazionale e della regione Campania, del gruppo redazione prove delle Olimpiadi delle Scienze Naturali ed è tra i tutor dell’ufficio ESERO-Italia. Dal 2016 collabora con L’European Schoolnet nell’ambito dei progetti Scientix, STEM School Label ed Europeana. I suoi interessi di ricerca sono la percezione del rischio per i rischi naturali e il coinvolgimento di studenti e docenti nella didattica delle STEM.

ELISABETTA Mughini - Avanguardie Educative: le parole dell’innovazione

ELISABETTA MUGHINI, dirigente di ricerca a Indire è responsabile della struttura di Ricerca “Processi d’innovazione organizzativa e metodologica nel modello scolastico” per la quale coordina le attività, indirizzandone le strategie di ricerca, gli strumenti e le metodologie. Laureata in Scienze politiche ha insegnato Strategie e Tecniche di Sceneggiatura Multimediale nel corso di laurea magistrale «Teorie della Comunicazione» dell’Università degli Studi di Firenze. Nel 2009 è stata coordinatrice nazionale delle attività per l’«Anno Europeo della Creatività e Innovazione». Dal 2019 è docente nel Corso di Laurea triennale in Scienze e tecniche psicologiche, classe L24 per la Italian University Line - università telematica. Curatrice insieme a Silvia Panzavolta del libro "MLTV- Rendere visibile pensiero e aprrendimento" di prossima pubblicazione con Carocci editore.

PAOLA Pala - La dimensione digitale della biblioteca scolastica

PAOLA PALA, laureata in biblioteconomia moderna presso l’Università degli Studi di Firenze. Dal 2013 lavora per la società Horizons Unlimited al progetto di biblioteca digitale MLOL, dove si occupa di Metadati e CRM, ed è responsabile del progetto MLOL Scuola.

BEN Pastor - Quanti di noi conoscono il ‘600 grazie ai Promessi sposi e la Roma dei Cesari grazie a Ben Hur?

BEN PASTOR, all'anagrafe italiana Maria Verbena Volpi, (Roma, 4 marzo 1950), è una scrittrice italiana naturalizzata statunitense. Laureata in Lettere con indirizzo archeologico presso l'università La Sapienza di Roma, subito dopo aver terminato gli studi si trasferisce negli Stati Uniti. Acquisita la cittadinanza statunitense senza rinunciare a quella italiana, sposa un ufficiale dell'aviazione militare di lontane origini basche da cui mutua legalmente il cognome Pastor. Accanto a un'intensa attività saggistica e didattica in un raggio di interessi che spazia da Federico García Lorca agli studi sulla "mente genocidiale", dall'etnomusicologia al femminismo in letteratura, dall'archeologia greca e latina alla storia dell'emigrazione italiana in Vermont, si cimenta nel giallo storico scrivendo decine di racconti per le principali riviste di letteratura poliziesca, in particolare Alfred Hitchcock's Magazine, The Strand Magazine e Ellery Queen's Mystery Magazine. Nel 2000 pubblica negli USA Lumen, il primo romanzo poliziesco della serie di Martin Bora. Il buon esito di Lumen spinge l'autrice a scrivere Luna Bugiarda, Kaputt Mundi, La canzone del cavaliere, Il morto in piazza, La Venere di Salò, La Morte, il Diavolo e Martin Bora, Il signore delle cento ossa, Il cielo di stagno e molti altri,pubblicati negli USA, in Canada, Italia, Spagna, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria e Brasile. Secondo i critici la narrativa di Ben Pastor ha un taglio profondamente influenzato dal postmodernismo, dove le regole classiche del mystery si incontrano e si contaminano con quelle del romanzo storico e del racconto di introspezione psicologica.

NOEMI perrotta - Per non saper né leggere né scrivere

NOEMI PERROTTA, beatamente pensionata da due anni, ha insegnato nella Scuola Pubblica dal 1978 al 2017, traendone anche divertimento. Appassionata e spietata lettrice, per ragioni a lei non chiare viene talvolta identificata come persona utile a dare indicazioni didattiche sulla scrittura. Alla scrittura, soprattutto creativa, è interessata in quanto la ritiene un procedimento mentale e cognitivo gratuito - cioè non finalizzato - da promuovere nella scuola. Dopo aver fatto esperienza di scrittura irriflessa e averne individuato la valenza educativa rispetto alla familiarizzazione con il sé, ne ha sviluppato le potenzialità in laboratori per le scuole, funzionali allo sviluppo di una scrittura esperta e non velleitaria.

Michelle pieri e francesca davida pizzigoni - Dalle biblioteche rurali di "zia Mariù" alle soluzioni di oggi. Il valore di bibloh per la piccola scuola

MICHELLE PIERI, ricercatore presso INDIRE, si occupa di piccole scuole dal 2015 e tra le sue pubblicazioni più recenti su questo tema vi sono: MANGIONE G., PIERI M. (2019) CLASSI IN RETE. Progettare lezioni condivise per la gestione di (pluri)classi aperte e isolate. I QUADERNI DELLE PICCOLE SCUOLE, Anno 2019 - Quaderno N. 2 – Strumenti, ISBN 978-8899456-22-1, Maggioli editore, Rimini e REPETTO M., PIERI M. (2019). Il modello “piccola scuola come comunità educante”: l’esperienza pilota della Val di Susa". In D. LUISI, F. TANTILLO (a cura di). Scuola e innovazione culturale nelle aree interne, «I Quaderni della Ricerca», Loescher Editore, Torino, pp. 53-64.

FRANCESCA DAVIDA PIZZIGONI, studiosa in storia della scuola e della lettura per l’infanzia, ha dedicato le sue ricerche ai temi della materialità scolastica e dei musei scolastici intesi come supporti a una didattica attiva e innovativa. È ricercatrice Indire e professore a contratto presso l’Università degli studi di Torino. Tra i suoi scritti più recenti F. D. Pizzigoni, The Beckwith school-museums as a place of memory, in «History of Education; Children& Literature (HECL)», vol. XIV, n.1, 2019, pp. 91-108 e M. Morandini e F.D. Pizzigoni, Tra ricerca e didattica: le peculiarità del caso torinese,in R. Sani (a cura di), Atti del Congresso internazionale SEPHE / SIPSE, Milano, Franco Angeli.

ROBERTO Piumini - Un uomo di parole

ROBERTO PIUMINI, nato a Edolo, in provincia di Brescia, il 14 marzo 1947. Nel 1970 si è laureato in Pedagogia all’Università Cattolica di Milano, con tesi su La persona del poeta in Emmanuel Mounier. Ha frequentato la Scuola Superiore di Comunicazioni Sociali di Milano. Ha condotto numerosi corsi di dinamica espressiva, espressione corporea, scrittura poetica e teatrale. È stato attore per tre anni con le compagnie Teatro Uomo di Milano e La Loggetta di Brescia. Ha fatto esperienza per un anno come burattinaio. Dal 1978 ha pubblicato moltissimi libri di fiabe, racconti corti e lunghi, romanzi, filastrocche, poesie, poemi, testi teatrali, testi di canzoni, testi per teatro musicale e cori, traduzioni, adattamenti, testi parascolastici, presso circa 70 editori italiani. È stato fra gli autori e ideatori della trasmissione televisiva RAI L’Albero Azzurro. Ha scritto e condotto le trasmissioni radiofoniche Radicchio e Il Mattino di Zucchero. Ha scritto e scrive testi per opere musicali, in collaborazione con musicisti italiani ed esteri. Con gruppi corali, strumentisti, cantanti e attori, o accompagnato alla chitarra dal figlio Michele, propone spettacoli di lettura e recitazione di propri testi, per bambini, ragazzi e adulti, e spettacoli di animazione teatrale e musicale.

JENNY Poletti - Catalizzatori di lettura

JENNY POLETTI, insegnante e blogger, ha introdotto in Italia il “Writing and reading workshop”, approccio laboratoriale alla didattica dell’italiano ideato presso la Columbia University. Ha pubblicato per Erickson "Scrittori si diventa" in cui racconta il percorso che l'ha condotta a trasformare la classe in una comunità di scrittori e lettori. Il forte desiderio di condivisione con i colleghi l'ha spinta a diventare formatrice: ogni anno tiene corsi in tutta Italia sul Writing and reading workshop e sull'innovazione soprattutto metodologica. Ha fondato una comunità di pratica e un gruppo Facebook per insegnanti di italiano (Italianwritingteachers).

GINO Roncaglia - Le mie biblioteche

GINO RONCAGLIA, nato a Roma, figlio del filologo Aurelio Roncaglia, nipote dell'omonimo musicologo Gino Roncaglia e fratello dell'economista Alessandro Roncaglia. Laureatosi in filosofia alla Sapienza Università di Roma nel 1984, è stato allievo di Tullio Gregory e Alfonso Maierù. Nel 1986 consegue il perfezionamento in Informatica umanistica, sempre presso la Sapienza. Consegue poi il dottorato in Filosofia nel 1993, presso l'Università di Firenze. Dal 1996 è prima ricercatore, poi professore associato presso l'Università della Tuscia, dove insegna Informatica applicata alle discipline umanistiche e Applicazioni della multimedialità alla trasmissione delle conoscenze. Presso la stessa università dirige un master in e-learning e corsi di perfezionamento su eBook e futuro del libro e sul web semantico. In precedenza è stato, dal 1983 al 1995, documentarista bibliotecario presso l'Archivio Storico della Camera dei deputati, occupandosi dei primi progetti di digitalizzazione della documentazione storica. Fra i pionieri dell'uso di Internet in Italia e della riflessione sulle sue potenzialità culturali (in particolare nel settore dell'editoria e degli ebook), è socio fondatore dell'Associazione culturale Liber Liber. È stato autore con Marco Calvo, Fabio Ciotti e Marco A. Zela della fortunata serie di manuali su Internet pubblicati dalla casa editrice Laterza (sei edizioni e oltre venti ristampe fra il 1996 e il 2004). In ambito televisivo è stato fra gli autori della trasmissione Rai MediaMente e di numerosi altri programmi televisivi legati al mondo delle nuove tecnologie e delle reti, nonché dei programmi culturali Nautilus e Zettel - Filosofia in movimento in onda a partire dal gennaio 2012 sul canale Rai Scuola. Con Roberto Casati è autore di un progetto - denominato Wikilex - per l'uso di strumenti wiki nel drafting normativo, in un contesto di democrazia partecipata.

GIANNI SATTA - IMPROVVISANDO: TROMBA, FLICORNO ED ELETTRONICA

GIANNI SATTA, suona tromba e flicorno. Inizia il suo percorso musicale nell’ambiente Bandistico all’eta’ di 10 anni . Da qui inizia un percorso musicale che spazia dalla musica classica alla musica leggera , percorso che lo arricchisce di esperienze importanti per il proseguo degli studi. Poi l’incontro con la musica jazz , con l’aiuto di trombettisti come Emilio Soana , Marco Tamburini, Giampaolo Casati.

Frequenta in seguito seminari tenuti dall’espertissimo sassofonista americano Paul Jeffry e dal grandissimo trombettista Clark Terry. Da qui nascono esperienze jazz, funk, soul e blues in diversi contesti musicali e con importanti jazzisti italiani.

In tutto questo percorso ha avuto modo di assimilare tutte quelle influenze che arrivano dalla cultura afro americana e di creare uno stile personale facilmente identificabile , con un attenzione ed uno studio particolare al suono ed alle dinamiche. Dal 2012 è il responsabile, con il maestro Andrea Zermani, della Milestone school of music, del Piacenza Jazz Club.

GIANGIACOMO Schiavi - Il giornale parlato (L'algoritmo della credibilità)

GIANGIACOMO SCHIAVI, nato a Gragnano Trebbiense il 20 agosto 1955, vince all'età di sedici anni il premio di poesia "Città di Piacenza" e pubblica poco dopo, per l'editore Gallarati, il libro "A piena voce", omaggio al poeta russo Vladimir Majakowsky. Inizia giovanissimo la sua attività di giornalista, prima con alcune collaborazioni con il settimanale di attualità e spettacoli di Milano "Dove-Quando" diretto da Giuseppe Alberto Orefice. Successivamente inizia a lavorare al quotidiano di Piacenza Libertà. Nel 1986 pubblica il libro "Nucleare all'italiana", Angeli editore. Nel 1987 viene chiamato al Corriere della Sera, diretto da Ugo Stille. Nel 1993 il nuovo direttore del Corriere della Sera, Paolo Mieli, lo chiama nell'ufficio centrale di Via Solferino a Milano e nel 1996 lo nomina capocronista alla redazione di Milano. Nel 2005 pubblica "Controvento". Sempre nello stesso anno pubblica "Sani per scelta". Dal 2004 al 2009 si occupa della rubrica di dialogo con i lettori "Dalla parte del cittadino". La sensibilità per la difesa civica e l'ascolto lo spingono a realizzare con la cronaca un viaggio in camper nei quartieri di Milano: 24 puntate per raccogliere le istanze dei cittadini, denunciando i problemi e valorizzando le positività. Da questa inchiesta nasce nel 2010 il "Manifesto" di Milano Nel 2007 per questi racconti, riceverà dal sindaco Letizia Moratti l' Ambrogino d'oro dal comune di Milano, uno dei massimi riconoscimenti conferiti dalla città. È stato Vicedirettore del Corriere della Sera dal 2009 sino al settembre del 2015.

mariapia veladiano - Cascare nel pozzo

MARIAPIA VELADIANO, nata a Vicenza. Laureata in Filosofia e Teologia. Collabora con “Repubblica” e con la rivista «Il Regno». La vita accanto, pubblicato con Einaudi Stile Libero, è il suo primo romanzo, vincitore del Premio Calvino 2010, e secondo al Premio Strega 2011. Nel 2012 ha pubblicato, con Einaudi Stile Libero, Il tempo è un dio breve. Nel 2013 è uscito un piccolo giallo per ragazzi, Messaggi da lontano, con Rizzoli. E, ancora con Einaudi Stile Libero, Ma come tu resisti, vita, una raccolta di minuscole riflessioni sui sentimenti e le azioni. Nel 2014 ha pubblicato Parole di scuola, edizioni Erickson. Liberissime riflessioni sulla scuola. Nel 2016 Una storia quasi perfetta, Guanda editore. Nel 2017, LEI, Guanda editore. Il 5 settembre 2019 è uscita una nuova edizione di Parole di scuola, Guanda editore. Edizione ampliata, con voci aggiunte, nuovo formato e pagine sui giorni presenti.

BEATRICE VITALI - I CASTELLI NON ESISTONO

BEATRICE VITALI, pedagogista e arte terapeuta, lavora alla Fondazione Gualandi a Bologna. È responsabile dei servizi educativi 0/6 anni della Fondazione: il nido " Il cavallino a dondolo" e la scuola dell'infanzia "Al cinema!", contesti inclusivi in cui si ricercano moralità di lavoro e un'organizzazione quotidiana che permetta di accogliere nel migliore dei modi ogni bambino, ognuno con le proprie caratteriste.

È esperta in letteratura dell'infanzia e ora è responsabile della nuova casa editrice "Fondazione Gualandi edizioni", che si interessa di diffondere nuove idee sull'educazione e sull'inclusione. Si occupa di formazione e di comunicazione.

In collaborazione con

Comitato scientifico-organizzativo

Angelo Bardini - Ilaria Manfredi - Monica Massari - Federica Perina - Vittoria Volterrani

Created By
vittoria volterrani
Appreciate