Loading

Una donna

Domenica 16 agosto 2020

Per iniziare

Scegli un momento e un luogo adatto alla preghiera. Chiedi allo Spirito di donarti un cuore capace di ascoltare la Parola. Lascia entrare il Signore nella tua vita.

Incontro alla Parola

Dal Vangelo secondo Matteo (15,21-28)

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola. Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d'Israele».

Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». "È vero, Signore", disse la donna, "eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni". Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell'istante sua figlia fu guarita.

Il Tuo volto io cerco

Una donna straniera e pagana che li insegue gridando, non è una bella compagnia per i discepoli, che chiedono a Gesù di esaudirla, così da essere tolti dall’imbarazzo e lasciati in pace. Ma Gesù non offre soluzioni a buon mercato: prende sul serio il dolore di quella donna, ha a cuore la sua fede e quella dei discepoli. Nel suo non rispondere e poi rispondere in maniera brusca, Gesù accompagna la donna a non vederlo come il guru di passaggio o il santone di turno che vende miracoli, ma ad entrare in relazione con lui, a fidarsi e credere davvero in lui.

E la donna porta davanti a Gesù tutto il suo dolore e la sua angoscia, senza vergogna: con tutta se stessa si affida al Maestro, per amore di chi lei stessa ama. Grande è la sua fede! Questa donna, considerata in un primo momento con fastidio e imbarazzo, diventa esempio di fede per i discepoli, che possono aprirsi al messaggio del Signore e camminare verso nuovi confini e orizzonti inediti.

La Tua Parola diventa la nostra preghiera

dal Salmo 66 (67)

Rit. Popoli tutti, lodate il Signore.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica, su di noi faccia splendere il suo volto; perché si conosca sulla terra la tua via, la tua salvezza fra tutte le genti. Rit.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino, perché tu giudichi i popoli con rettitudine, governi le nazioni sulla terra. Rit.

Ti lodino i popoli, o Dio, ti lodino i popoli tutti. Ci benedica Dio e lo temano tutti i confini della terra. Rit.

Dedica qualche minuto di silenzio per congedarti e uscire dalla preghiera; puoi portare con te una parola, un’emozione, un grazie o un perché… Oggi ti faranno compagnia.

Credits:

Creato con immagini di Sasha Freemind - "Sun was setting down. Those magical colours where blinding. I wanted this moment to last forever. She was smiling, but tears where coming from her eyes. I remember their salty taste. My heart was beating faster than usual. I did not know what to say. Summer was over. Our last night. We knew that we will probably never see each other again, but no one wanted to believe in that. We were happy and lost. Lost in this sunset forever." • Aaron Burden - "untitled image" • Diego PH - "Sunsets!"