L'ascesa del fascismo Benito Mussolini conquista il potere

BENITO MUSSOLINI

Benito Mussolini nacque a Predappio, in provincia di Forlì, nel 1883. Era figlio di un fabbro e di una maestra elementare. Mussolini si diplomò a sua volta da maestro svolgendo il lavoro di insegnante per qualche tempo. Divenne membro attivo e dirigente del partito socialista e nel 1912 assunse la carica di direttore del giornale Avanti, organo ufficiale del partito. Nel 1914, allo scoppio della Prima guerra mondiale, fu dapprima in linea con il pacifismo del partito, poi si schierò nettamente a favore dell'intervento dell'Italia in guerra e per questo motivo fu espulso dal partito. Proprio negli anni del biennio rosso Mussolini fondò un proprio giornale, Il Popolo d'Italia, e successivamente istituì “I Fasci di combattimento”.

I FASCI DI COMBATTIMENTO

I Fasci di combattimento erano un'associazione a cui aderirono soprattutto nazionalisti ed ex combattenti. Il programma del movimento era molto confuso e caratterizzato da posizioni nazionaliste, repubblicane e anticlericali, e dalla polemica contro i liberali e il capitalismo. Ma l'elemento dominante era la decisa avversione per il socialismo.

Furono le agitazioni del 1920, siamo ancora in pieno biennio rosso, che offrirono al fascismo l'occasione per crescere, Mussolini infatti sostenne che le proteste andavano contrastate con la forza, forza che lo Stato dimostrava di non avere. Per questo motivo organizzò delle squadre d'azione che, soprattutto nelle campagne dell'Emilia, repressero con la violenza le proteste di contadini e operai socialisti.

Le squadre d'azione fasciste

LE SQUADRACCE FASCISTE

Le squadre d'azione di Mussolini, dette squadracce fasciste, erano vere e proprie bande di uomini armati, composte da ex militari, disoccupati, avventurieri e ragazzi con pochi scrupoli. La loro divisa erano delle camice nere, in contrapposizione al rosso simbolo del comunismo.

Le aggressioni delle squadracce fasciste erano sostenute dai grandi proprietari terrieri e dagli industriali, ma anche da gran parte dei ceti medi. Le loro spedizioni punitive erano volte ad evitare il pericolo di una rivoluzione, attaccavano infatti i socialisti e le organizzazioni contadine, ma in generale chiunque dimostrasse di avere un legame col comunismo. Gli uomini delle squadracce erano arroganti e prepotenti e usavano la violenza contro i loro avversari aggredendoli con armi da fuoco, manganelli e olio di ricino, un forte purgante che serviva per ridicolizzarli pubblicamente.

Tessera del Partito nazionale fascista del 1921 ------ Mussolini eletto deputato in Parlamento nel 1921

IL PARTITO FASCISTA

Tra il 1920 e il 1921 le spedizioni fasciste fecero diminuire gli scioperi nell'agricoltura e nell'industria, ma al prezzo di numerosi morti e feriti. Il successo dei Fasci fu però anche responsabilità del debole governo capeggiato da Giolitti che non vi si oppose concretamente. Le spedizioni delle squadracce erano infatti un evidentissimo simbolo di illegalità, dovuta però all'impotenza dello Stato nel mantenere l'ordine. Molti commisero l'errore di sottovalutare il pericolo rappresentato dei fascisti, anzi, il movimento di Mussolini cominciò ad avere molti simpatizzanti tanto che Mussolini, nel 1921, fondò un vero e proprio partito, il Partito nazionale fascista.

La Marcia su Roma

LA MARCIA SU ROMA

Nel 1921 il partito fascista partecipò alle nuove elezioni ed entrò in Parlamento con 35 deputati. Il partito socialista, intanto, attraversava una grave crisi e perse dei voti. La guida del paese fu affidata nuovamente a governi estremamente deboli, come quello presieduto da Luigi Facta, un uomo onesto ma di scarse capacità di fronte ad una situazione che diveniva ogni giorno più grave. Mussolini pensò allora di approfittare del generale disordine e decise di forzare i tempi.

Il 24 ottobre 1922 Mussolini concentrò a Napoli migliaia di fascisti che indossavano camice nere e si preparavano a marciare su Roma per assumere il potere con la forza. Il 28 ottobre i fascisti entrarono nella capitale. Il presidente del consiglio Facta chiese al re Vittorio Emanuele III di firmare lo stato d'assedio per poter fronteggiare con l'esercito le colonne fasciste e fermare la marcia su Roma. Il re però rifiutò perché i fascisti avevano l'appoggio degli imprenditori e dei militari, così Facta si dimise e il 30 ottobre Mussolini ricevette dal re l'incarico di formare un nuovo governo.

LA FASE LEGALITARIA

Nei primi due anni Mussolini agì nel rispetto della legge perciò questa prima fase del fascismo è detta legalitaria. In quel periodo molti credevano che fosse possibile trasformare il fascismo in un partito moderato e liberale e controllarlo a proprio vantaggio. Mussolini lo lasciò credere, ma nel frattempo la violenza fascista contro gli oppositori continuava. Anche le elezioni del 1924 si svolsero in un clima di violenze e di irregolarità. A molti antifascisti fu addirittura impedito di votare e la maggioranza andò ovviamente alla lista fascista.

L'onorevole Giacomo Matteotti ----- I giornali annunciano il delitto ----- Il ritrovamento del cadavere

IL DELITTO MATTEOTTI

I partiti dell'opposizione, tuttavia, non si rassegnarono allo strapotere di Mussolini. In particolare il deputato socialista Giacomo Matteotti, uomo di grande onestà, denunciò in uno storico discorso, pronunciato il 30 maggio 1924, le minacce e i brogli, cioè le irregolarità, avvenute durante le elezioni e ne chiese l'annullamento. Dieci giorni dopo Matteotti venne rapito e assassinato e il suo cadavere fu ritrovato in un bosco vicino Roma.

I rappresentanti dei partiti antifascisti, per protesta, abbandonarono il Parlamento e si riunirono sul colle Aventino. Il re, però, non fece nulla, anzi, la famosa secessione dell'Aventino, cioè l'abbandono del Parlamento da parte dei partiti dell'opposizione, fu probabilmente una mossa sbagliata poiché permise a Mussolini di realizzare un colpo di mano e di attuare finalmente una piena dittatura.

Mussolini si assunse di persona la responsabilità politica del delitto Matteotti

L’INIZIO DELLA DITTATURA

Mussolini si assunse l'intera responsabilità di quanto era accaduto a Matteotti con un famoso discorso pronunciato il 3 gennaio 1925. Da quel momento il fascismo si trasformò definitivamente in una dittatura, cioè nel governo di un uomo solo che assume in sé tutti i poteri dello Stato. Quest'uomo fu Benito Mussolini, dittatore d’Italia per vent'anni.

Discorso di Mussolini del 3 gennaio 1925
Created By
Chiara Spalatro
Appreciate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.