Castello Sforzesco

Durante la dominazione austriaca il Castello Sforzesco diventò una semplice caserma militare e per via del disordine e il degrado con l’Unità d’Italia si pensò di abbatterlo.

Nel 1908, durante i lavori di restauro, sono state trovate in un pozzo trovate 24 carte da gioco xilografiche (l'incisione di immagini e a volte di brevi testi su tavolette di legno ). Sono carte recto verso, di mazzi scompagnati. Una di queste è datata 1499 il che ci dice che risalgono ancora all´epoca della corte di Ludovico il Moro.

Si dice che gli spettri si aggirano nel Castello Sforzesco: quello di Ludovico il Moro, che fugge tenendo tra le mani il suo tesoro; si odono le urla di Beatrice d’Este che muore dissanguata dopo aver dato alla luce suo figlio, o di Bona di Savoia che piange i suoi cari.

Il Parco Sempione, situato vicino al Castello Sforzesco, era un bosco composto prevalentemente da querce e castagneti e abitato anche da animali esotici introdotti dall'uomo.

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.