Dal Salento con amore I purciddhuzzi

Origini

I purciddhuzzi sono dolci tipici salentini che si preparano durante il periodo di Natale. Dall'Immacolata all'Epifania i purciddhuzzi abitano nelle case salentine e sono segno di prosperità e allegria. Devono il loro nome alla forma che ricorda il muso di un porcellino. Dolce di origine persiana, vennero portati in Spagna dagli Arabi e in seguito introdotti in Puglia dagli Spagnoli.

Ricetta

Ogni località del Salento ha la propria ricetta di purciddhuzzi, c'è chi usa il lievito e chi no, chi impasta col vino bianco e chi con liquore o anice per aromatizzare.

Ingredienti della nostra ricetta

Per l'impasto:

  • 1 kg di farina di grano duro
  • 100 gr di olio evo
  • 2 arance (succo e buccia grattugiata)
  • 1 mandarino
  • un po' d'acqua tiepida
  • un pizzico di sale
  • cannella
  • chiodi di garofano

Per la mielata:

  • 100 dl di acqua
  • 300 gr di zucchero
  • 1 kg di miele

Preparazione

Si fa riscaldare l'olio extravergine di oliva con la buccia del mandarino. Nel frattempo si versa la farina sulla spianatoia allargandola al centro per formare la classica fontana. Si toglie la buccia dall'olio prima di versarlo sulla farina.

Si aggiunge il succo d'arancia, del mandarino e dell'acqua tiepida, e si lavora l'impasto fino a quando sarà diventato liscio ed elastico. A questo punto, si formano dei cilindri che si tagliano in piccoli tocchetti lunghi circa 1 cm, ai quali si dà la forma tipica dei purciddhuzzi arrotolandoli con una leggera pressione del pollice sull'intreccio di un cestino in vimini, sul retro di una grattugia o sul rigagnocchi.

Si friggono i purciddhuzzi in abbondante olio bollente, rigirandoli delicatamente e, quando avranno assunto un bel colore dorato, si tirano fuori con l'aiuto di una schiumarola e si mettono in una ciotola su della carta assorbente.

Per preparare la mielata, si versano in un pentolino lo zucchero e l'acqua, quando lo zucchero si è sciolto completamente, si aggiunge il miele e si porta ad ebollizione a fiamma bassa.

Si versano piccole quantità di purciddhuzzi nella mielata, si scolano e si adagiano su un piatto da portata. Si decora a piacere con codette colorate, pinoli o mandorle.

E dopo aver messo le mani in pasta, gustiamo insieme i nostri purciddhuzzi! Il servizio ai tavoli è affidato a un manipolo di simpatici "camerieri"!

Un grazie di cuore a mamme e nonne che ci hanno dato un aiuto prezioso per la realizzazione di questa attività.

Created By
Lorena Preite
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.