NAVIGARE IN RETE senza naufragare

Con il termine navigazione ci si riferisce proprio all’ attività di consultazione ipertestuale, che tutti i giorni facciamo collegandoci ad Internet.

Quando cerchi o chiedi un’informazione in Internet, il tuo computer, tramite il browser

La parola browser deriva dal verbo inglese brucare, setacciare, sfogliare. Il verbo, soggettivato e per estensione, vuol dire che ti fa spulciare, dare un’occhiata, sfogliare.

BROWSER PIU’ DIFFUSI

MOZILLA FIREFOX

INTERNET EXPLORER

GOOGLE CHROME

URL

Per accedere ad un sito Internet è necessario digitare il relativo URL nella barra degli indirizzi.Un Uniform Resource Locator o URL (localizzatore uniforme di risorse) è l’indirizzo tramite cui si identifica un sito ma anche un’immagine, un file o, più genericamente, una risorsa su Internet.Tutti gli indirizzi hanno la stessa forma (stringhe di testo separate da punti).

Il link

È lo strumento tramite cui si collegano tra loro le pagine di uno o più siti Web.

Si riconosce dal fatto che, passandoci vicino col mouse, la parola o l’immagine linkata (tramite cui, cioè, verrai indirizzato ad un’altra pagina)

Cambia colore o aspetto (spesso viene sottolineata),

Se ti ci fermi sopra, spesso si apre un piccolo tab in cui viene indicata la pagina a cui ti sta indirizzando o una breve nota che introduce la pagina o il sito successivo (detti anche di destinazione),

Contemporaneamente, si apre un tab nella parte in basso a sinistra del browser, che indica l’indirizzo della pagina di destinazione,

Il puntatore del mouse cambia aspetto.

Col puntatore in questa posizione, se clicchi una volta, nel tuo browser viene caricata la pagina a cui punta il collegamento.

Oltre che nelle pagine Web, è possibile inserire link anche in un foglio di scrittura;

Per attivare un link su un foglio di scrittura, premi invio o barra spaziatrice dopo aver digitato l’indirizzo di una pagina web o un indirizzo di posta elettronica, ad esempio www.liceoaristofane.it

POP UP

I pop-up sono elementi (finestre o riquadri) che compaiono automaticamente sulla tua interfaccia grafica, per attirare la tua attenzione, spesso a fini meramente pubblicitari.

Stanno diventando sempre più invasivi e, proprio per questo, tutti i browser più recenti sono impostati in modo da bloccarle automaticamente.

I pop-up pubblicitari, infatti, possono essere parte di un tentativo di phishing, normalmente mirato a estorcerti informazioni personali o finanziarie sensibili mentre navighi. Se i popup pubblicitari si aprono anche quando non stai navigando, il tuo computer potrebbe essere infettato da spyware.

In ogni caso, oltre a quelli utilizzati per web marketing, ce ne sono altri con più specifiche finalità:

Aiutare la navigazione

I popup di navigazione hanno il compito di descrivere, con dettaglio, un elemento del testo. Per visualizzare il messaggio, devi portare il puntatore del mouse sopra l’elemento a cui è applicato il pop-up.

Avvisare.

Molti software, una volta terminata una determinata azione, generano un avviso che compare proprio tramite un pop-up. Pensa, ad esempio, alla finestra che compare quando fai un download (scarichi un file) o a quella che si attiva quando, dopo aver elaborato un testo con Word o Write, decidi di salvarlo con nome…

I COOKIES

Un cookie è un file di testo, che un server Web invia nel tuo hard disk. Chi te lo ha inviato lo utilizza per riconoscerti: in pratica, per il mittente, il cookie equivale alla tua carta di identità.

Sono pericolosi? Mettono a rischio la privacy? Perché sono sui nostri computer?

Lo scopo di ogni cookie è quello di informare il server riguardo ai tuoi accessi a quella determinata pagina web.

Prima considerazione: essendo tutti files di testo, non possono trasmettere virus.

Seconda considerazione: ti fanno risparmiare tempo. Quando navighi su un sito, un cookie fornisce, a chi te lo ha inviato, le informazioni che ti riguardano. Quando accedi nuovamente a quella pagina Web, il server sa già quali informazioni fornirti. Il cookie, quindi, gli permette di essere più efficiente. Sa quali sono le informazioni più importanti per te.

Terza considerazione: devi sapere che un sito da te visitato può sapere praticamente tutto di te: siti visitati in precedenza, frequenza, ecc. Sono notizie che potrebbero essere utili ed utilizzate commercialmente, per farti proposte mirate. Adesso capirai come e perché ti succede di ricevere messaggi di posta elettronica che trattano argomenti di cui hai cercato informazioni navigando in Rete.

In sintesi, cosa fanno i cookies?

1. Controllano con quale frequenza accedi a un determinato sito e quali sono le aree che visiti di più, per comprendere i tuoi interessi.

2. Evitano che tu inserisca informazioni già registrate; è il caso, ad esempio, della Username che inserisci per accedere alla tua casella email.

3. Personalizza il browser e la sua presentazione (lingua, colori, ecc).

Cosa NON possono fare.

1. Riempire il disco con files indeterminati.

2. Danneggiare il computer, introducendo virus di vario tipo.

3. Raccogliere informazioni private su di te, ulteriori a quelle indicate sopra: non spiano la tua privacy.

4. Non forniscono una prova legale del fatto che tu abbia visitato o meno un determinato sito

GOOGLE CHROME

IMPOSTAZIONI DI CHROME

PREFERITI – SCHEDE

DOWNLOAD

Estensioni: EDITOR UFFICIO -CLOUD CONVERT accenni A GOOGLE DRIVE

STRUMENTI DI RICERCA- FILTRI – RICERCA PER IMMAGINI (dimensioni, come salvare) CON LICENZA. SAFESEARCH in IMPOSTAZIONI DI RICERCHE

ACCOUNT GMAIL

ACCEDERE DA ALTRI DEVICE

Una volta configurato il tuo account, puoi sincronizzarlo con tutti i tuoi device, come uno smartphone, ad esempio.

Vediamo come si fa. La procedura è sempre la stessa: vale, quindi, sia per Android che per iPhone.

Prima di tutto, dobbiamo sapere cos’è l’IMAP. L’Internet Message Access Protocol (abbreviato in IMAP) è un protocollo che permette l’accesso online a una casella di posta. Approfondiremo tra poco il tema.

L’IMAP è la configurazione consigliata per i dispositivi mobile. Se tutti i tuoi dispositivi sono configurati in

IMAP, potrai accedere alla tua casella di posta da ognuno di loro e gestirla in maniera sincronizzata. Se hai un smartphone Android,

• Vai in menu Applicazioni > Email

• Tocca Aggiungi account,

• Nella schermata seguente, inserisci il tuo indirizzo email, la password e tocca il pulsante Avanti.

A questo punto, dobbiamo selezionare l’IMAP, verificando che i seguenti dati siano inseriti in maniera corretta:

• Nome utente: il tuo indirizzo di posta

• Password: la tua password (non visibile)

• Server IMAP (o POP3): imap.nomedominio.est (es.: imap.google.com, imap.pippo.it)

• Porta: 143 per IMAP

Su DETTAGLI in fondo alla pagina della posta: ( attività dell’account)

Credits:

Created with images by Keng Susumpow - "Firefox Logo"

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.