RISOLUZIONE CASO 18 febbraio

• Cosa tratta il caso ?

Il caso tratta una vicenda contrattuale bilaterale ed i soggetti che ne fanno parte sono il venditore di mobili antichi e Andrea. A quest' ultimo si aggiunge Gianni, il (falso) rappresentante di Andrea ovvero colui che per conto di Andrea ordina i mobili e li fa spedire presso il domicilio del compratore. Ciò accade spesso ed un giorno Gianni fa spedire al domicilio di Andrea un mobile, che però non risulta a quest ultimo di suo gradimento ed Andrea si rifiuta di pagare il venditore di mobili, il quale pensava che Gianni fosse autorizzato dal rappresentato (Andrea).

RISOLUZIONE DEL CASO

Secondo ciò che ho dedotto dal caso letto posso esprimere la mia opinione personale e quella riguardante la consulta della sentenza del 17 ottobre 1978 n.4645 della corte di cassazione sul caso trattato. Andrea ossia il compratore è ritenuto responsabile del aver scaturito un comportamento di ragionevole convinzione Dell esistenza della procura auto obbligandosi a pagare per il mobile ordinato dal suo (falso) rappresentante Gianni .

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.