GENESI MOSTRA DI SALGADO A FORLì

Nato in Brasile nel 1944, nello Stato del Minas Gerais, in una «valle grande quanto il Portogallo, famosa per miniere d’oro e di ferro», Sebastião è figlio di una foresta sconfinata e selvaggia, di un paese che intravvede all’orizzonte qualcosa di molto più limpido dell’incalzante economia di mercato di cui già l’Europa è prigioniera. È così ch’egli si nutre di luce, foglie, animali rari, passa anni ad osservare la vita che gli scorre intorno, in tutta la sua lentezza: «la vita segue un altro ordine di grandezza […] io ero dentro le immagini ancora prima di iniziare a fotografare». La storia di Sebastião è la storia comune di un talento raro.

Tutto si gioca in un’ astrazione preferibilmente in bianco e nero che si realizza attraverso la più complessa gamma dei grigi. L’uso del colore è per Sebastião legato a rari episodi di committenza e si traduce in una resa che non lo soddisfa per la minore libertà tecnica, per la meraviglia del rosso e del blu, che distraggono dal soggetto, privandolo di tutta la sua scarna carica essenziale. Genesi di Sebastião Salgado è un progetto iniziato nel 2003 e durato 10 anni, un canto d’amore per la terra e un monito per gli uomini. Con 245 eccezionali immagini che compongono un itinerario fotografico in un bianco e nero di grande incanto, la mostra racconta la rara bellezza del patrimonio unico e prezioso, di cui disponiamo: il nostro pianeta.

Le fotografie di Salgado (in mostra a Forlì per la curatela di Lélia Wanick Salgado) sono state realizzate con lo scopo di immortalare un mondo in cui natura ed esseri viventi vivono ancora in equilibrio con l’ambiente. Una parte del suo lavoro è rivolto agli animali che sono impressi nel suo obiettivo attraverso un lungo lavoro di immedesimazione con i loro habitat. Con i suoi bianco e nero di grande potenza, Genesi è un atto di amore verso la Terra, ma anche un grido di allarme e un monito affinché si cerchi di preservare queste zone ancora incontaminate, per far sì che, nel tempo che viviamo, sviluppo non sia sinonimo di distruzione.

Con i suoi bianco e nero di grande potenza, Genesi è un atto di amore verso la Terra, ma anche un grido di allarme e un monito affinché si cerchi di preservare queste zone ancora incontaminate, per far sì che, nel tempo che viviamo, sviluppo non sia sinonimo di distruzione.

Sofia Tonel

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.