Loading

Risorse per la didattica innovativa a cura di Cristiana Zambon

In queste pagine sono presentate tematiche attuali e risorse gratuite per la didattica digitale molte delle quali sono state oggetto di formazione durante gli incontri dello scorso anno scolastico. Non vuole essere un elenco esaustivo di quanto disponibile online anche perché non sarebbe possibile redigerlo, ma una presentazioni di strumenti semplici e facilmente adattabile ai diversi contesti di insegnamento e alle differenti età degli alunni dell’istituto. Come animatore digitale, sono a disposizione per offrire supporto attivo agli insegnanti interessati ad approfondire e sperimentare. Cristiana Zambon

La “Classe capovolta” (Flipped Classroom)
Una strategia rivoluzionaria

E' una metodologia didattica che prevede il ribaltamento delle modalità di utilizzo dei tempi di studio tra casa e scuola. Lo studio dei contenuti viene svolto in autonomia a casa con dei video; le esercitazioni sono svolte a scuola, con i compagni e l’insegnante che può così seguire il processo di apprendimento e personalizzare gli interventi.

  • Video introduttivo molto sintetico alla “Flipped Classroom”;
  • Video più approfondito di Introduzione alla Flipped Classroom;
  • Guida gratuita alla Classe Capovolta di Orizzonte Scuola.
Siti, blog e piattaforme curate da insegnanti
  • App per Prof, il canale YouTube curato dal prof. Luca Raina, che presenta App in video di circa 5 minuti;
  • ProfDigitale: il sito del Prof. Alessandro Bencivenni che, con brevi e chiari video, fa conoscere e guida nell’utilizzo di app e software;
  • Maestro Roberto, blog di Roberto Sconocchini, uno spazio che raccoglie risorse che colleghi hanno da tempo messo a disposizione di tutti nei loro spazi, tanti spunti che la rete fornisce;
  • Chocolat 3B, podcast del professor Luca Piergiovanni che da anni registra con i propri alunni contributi audio di diverse rubriche tra cui poesie e canzoni a confronto e storia.
  • Didatticarte: blog della professoressa Emanuela Pulvirenti che raccoglie materiali didattici da utilizzare in classe (presentazioni, video, attività interattive, schede di disegno), link a materiali utili sparsi e riflessioni sul metodo di studio e sull’apprendimento della storia dell’arte ed articoli su argomenti relativi alla creatività e alla comunicazione visiva;
  • Canale Youtube della professoressa Elisabetta Buono che presenta e illustra l'utilizzo di risorse digitali per la didattica;
  • Il mio canale YouTube dove condivido alcune attività svolte a scuola.
Iniziative che consiglio di seguire
  • Canali Social del Miur (Facebook, Instagram, Twitter e il canale Telegram )per ricevere informazioni, aggiornamenti, notizie dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca;
  • Generazioni Connesse: Progetto coordinato dal Miur che promuove strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, promuovendone un uso positivo e consapevole. La piattaforma è ricca di informazioni e materiali semplici ed accattivanti per l’attività a scuola e una sezione per i genitori. Ogni anno viene promossa una giornata dedicata alla sensibilizzazione per i rischi dell’Internet alla sicurezza online, Safer Internet Day, istitutita nel 2004 dall’Unione Europea. Nel 2017 sarà il 7 febbraio;
  • Codeweek: evento europeo che si svolge generalmente ad ottobre, per avvicinare i ragazzi al pensiero computazionale e al coding . Dal 2016 il nostro Istituto partecipa attivamente e riceve attestato.
  • L’Ora del Codice: piattaforma che offre attività pronte per essere svolte in un’ora da ragazzi anche privi di formazione al coding. E’ attiva tutto l’anno e invita a svolgere l’attività in concomitanza con analoghe iniziative in corso in tutto il mondo a ottobre e dicembre.
  • Twletteratura: un metodo di Social Reading che sviluppa competenze digitali che rende più efficace la didattica e costruire una nuova rete di relazioni professionali;
  • Alfabeto della Innovazione Didattica, un e-book gratuito che presenta in forma immediata e dinamica i cambiamenti che stanno accompagnando la scuola.
Il modello BYOD
Strumenti personali

Bring Your Own Device (BYOD), in italiano “porta il tuo dispositivo”, è un’espressione che descrive quelle politiche aziendali che in tutto il mondo consentono agli impiegati di utilizzare i propri dispositivi personali in ambiente di lavoro. Il modello BYOD in ambito educativo viene espressamente previsto dal Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD).

  • Articolo di presentazione al metodo: La scuola si apre al BYOD: tutti a scuola con smartphone e tablet, articolo di presentazione al metodo;
  • :Articolo di riflessione su come attuare il modello "Bring your own device" a scuola
Risorse utili a scuola e a casa

Le risorse segnalate e tutto il patrimonio di informazioni disponibili online non rappresentano un'unità didattica completa, ma arricchiscono e sostengono in maniera significativa l’apprendimento e possono essere applicati a molteplici scenari di insegnamento.

  • BIGnomi Rai, dei bignami di storia e letteratura in versione video letti da big del mondo della musica e dello spettacolo, interessanti per introdurre o ripassare un argomento;
  • Rino Pianetino, filmati, giochi e approfondimenti per alla primaria relativamente a  storia, geografia, scienze, informatica;
  • Eniscuola risorse per le scienze;
  • Podcast (contributi audio) di argomento storico, piccoli e grandi episodi del passato, curiosità e considerazioni che incoraggiano alla ricerca e all’approfondimento;
  • "Ad Alta Voce", Podcast (contributi audio scaricabili) di Rai Radio 6 Teca trasmissione radiofonica di Radio3 che propone la lettura a puntate di un classico della letteratura, italiana e straniera, appositamente ridotto. La lettura dell'opera è effettuata dalla voce di un solo narratore anche per le parti dialogate o a più voci.
Piattaforme per giochi interattivi utili alla didattica

Le risorse presentate offrono l'accesso ad un archivio di attivtià pronte e la possibilità di crearne nuove in maniera semplice.

  • Learning App: è un'applicazione che presenta piccoli moduli interattivi disponibili per tutte le materie e in diversi livelli. I moduli esistenti possono essere inseriti direttamente nei contenuti didattici, ma anche creati o modificati dagli utenti stessi online. L'obiettivo è raccogliere moduli riutilizzabili e metterli a disposizione di tutti. Video di 5 minuti che illustra la piattaforma:
  • Kahoot, quiz interattivi. La piattaforma e il suo possibile utilizzo didattico sono presentati in questo post e in questo video;
  • Cruciverba da costruire su PC inserendo nome e definizione. Il software genera un cruciverba che può essere compilato online o stampato come PDF.
Presentazioni, Storytelling, gestione video
Creare, catalogare e condividere
  • Padlet: un video di presentazione, una guida con spiegazioni ed esempi di utilizzo dell’App;
  • Adobe Spark, uno spazio che permette di gestire uno strumento per la grafica, uno per lo Storytelling. e uno per le animazioni video e slide show ( il file che state leggendo è stato creato con Adobe Spark Page). Qui una video lezione;
  • Thinglink : applicativo che permette di creare immagini interattive condivisibili; qui una video lezione di 5 minuti;
Archiviazione e condivisione di materiale
  • Edmodo: una piattaforma di apprendimento che permette a docenti e alunni di connettersi e condividere il proprio lavoro. L’insegnante può assegnare compiti e anche quiz, sondaggi, risorse. Qui un video che presenta questo grande contenitore didattico, gratuito e versatile.
  • Google Drive: una guida all’utilizzo;
  • App Telegram, un canale per condividere materiale didattico, foto, video e per le comunicazioni con alunni e/o famiglie in maniera semplice e veloce. Qui un tutorial;
  • DropBox;
  • ClassDojo, app per la gestione della classe che consente di monitorare il comportamento e promuovere comportamenti positivi da parte degli studenti. E' possibile coinvolgere nel processo le famiglie e condividere con loro comunicazioni e file digitali. Qui un video tutorial per il suo utilizzo
Coding
Educare al pensiero computazionale

Coding è un termine inglese al quale corrisponde in italiano la parola programmazione. Il coding nella scuola non vuole essere programmazione informatica ma applicazione metodi e strumenti di programmazione al fine di sviluppare un approccio sequenziale ai problemi e alla loro soluzione. L’insieme di queste procedure mentali è definito pensiero computazionale.

  • Video : Cosa è il coding;
  • Piattaforma di Programma il Futuro: di MIUR e CINI, fornisce alle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili per formare gli studenti ai concetti di base dell'informatica;
  • Scratch : piattaforma che permette di creare programmare storie interattive, videogiochi e altre animazioni da condividere con gli altri membri della comunità. Qui una guida. Si consiglia di utilizzare le carte stampabili per iniziare con i bambini a scoprire le funzioni e creare progetti

Coding unplugged (senza utilizzo di tecnologia informatica):

  • Gioco di Cody e Roby; carte e base per molteplici giochi di coding, pronti con le loro istruzioni per essere stampati ed utilizzati;
  • lezioni tradizionali di coding, carta e matita nel sito: http://www.programmailfuturo.it

-

-

-

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.