Mattia Venturi Portfolio

Corporate Storytelling

Per strutturare la narrazione di un brand seguo quattro passaggi: ricerca sul campo, scelta del mezzo di comunicazione, ideazione e realizzazione.

FCA Group - Cassino

VALUES AND STORIES

Creare una narrazione che restituisca i quattro valori fondamentali della fabbrica di Cassino: il mio primo, vero lavoro per lo storytelling di un brand.

A seguito degli incontri con il personale e la visione degli impianti, abbiamo sintetizzato il primato del “sistema Cassino” in quattro valori fondamentali: gioco di squadra, eccellenza tecnologica, sostenibilità, ma soprattutto capitale umano.

Per descrivere al meglio il lavoro abbiamo prima conoscosciuto i dipendenti come persone nel loro quotidiano.

Poi abbiamo raccolto delle interviste, apparentemente riferite all’ambiente professionale, per poi scoprire che i valori espressi dagli intervistati sono gli stessi che guidano le loro passioni personali.

Ecco uno dei quattro video che parla proprio della tradizione di famiglia e di quanto l'azienda sia radicata nel territorio:

Toyota

INNOVATION IN JAZZ

Si può parlare di innovazione e di business parlando di musica?

Noi pensiamo di sì.

Innovation in Jazz è un seminario che contamina l'universo aziendale con la musica jazz. Le qualità che servono sono le stesse:

Il Jazz incoraggia l'elaborazione dell'informazione durante l'azione.

Il Jazzista rompe la routine e trae vantaggio dai propri errori...

Gestire una grande azienda non è poi così diverso!

Ecco il video che racconta la giornata:

BMW - Building Bridges

QUARTA GIORNATA DELL'INTERCULTURA - UNIVERSITA' DI MILANO BICOCCA

Per la giornata di incontri a Milano, BMW ci ha incaricato di raccontare l'evento con quattro video! Eccone uno:

InfoCamere

Ad oggi la mia collaborazione più lunga. Un insieme di progetti, il mio personale contributo al rinnovamento del brand.

InfoCamere è l'azienda che si occupa del patrimonio informatico di tutta la rete delle Camere di Commercio e quindi delle imprese.

Come si racconta l'immateriale? Il traffico di dati?

Io e un mio collega ci abbiamo provato così...

Prima di tutto abbiamo reso il tutto più materiale aprendo ai visitatori l'accesso al Data Center di InfoCamere e costruendo per loro (scuole o appasionati) una vera e propria visita guidata, che passa per la reception, dove stiamo facendo installare una parete touch come questa:

E anche per la Sala server, dove due isole gestiscono così tanti Terabyte che è inutile che stia a specificare (ma sono tanti, credetemi).

Abbiamo scritto otto mini-video 3D che aiutassero il visitatore nella comprensione del lavoro invisibile delle Isole e che attualmente sono in fase di produzione e che verranno proiettati sulle isole stesse (vedi foto progetto).

Oltre a questi, abbiamo in programma altri interventi fisici nella struttura di InfoCamere. Qualche anticipazione: contaminazioni con scuole d'arte e la creazione di nuovi spazi di aggregazione dove sia possibile la condivisione di idee.

Un video animato che grazie a paragoni forse azzardati, riuscisse a restituire questo enorme valore immateriale:

Ultimo, ma non per importanza, dovevamo raccontare le persone che rendono disponibili ogni giorno i servizi dell'azienda. Ecco uno dei video che abbiamo realizzato:

Forse che sì, forse che no

Uno spettacolo teatrale

ComprenderexCambiare - Unindustria (Treviso)

Comprenderexcambiare è un ciclo di seminari organizzato da Unindustria Treviso. Dopo molti interventi illustri, tra cui quello di Alessandro Baricco, hanno chiamato noi!

Ci è stato chiesto di raccontare il percorso formativo seguito da una platea di 400 imprenditori durante gli ultimi tre anni. Per farlo, io e altri due colleghi, ci siamo assunti un rischio: contaminare il mondo dell'imprenditoria con quello del teatro.

La storia di Gianni è quella di un piccolo imprenditore vinicolo che nel 2026 si ritrova sull'orlo del fallimento. E' quasi costretto a vendere la cantina di famiglia ai vietnamiti, proprio così. Grazie ad un dialogo surreale col padre defunto, Gianni riesce a capire che quel passato splendente che guarda con malinconia non è poi così splendente. Decide dunque di lasciarselo alle spalle senza rinunciare alle tradizione.

"Forse che sì, forse che no" è uno spettacolo teatrale che mette in scena temi importanti e attuali come la crisi e la necessità del cambiamento.

Cinema e Serie Tv

I miei lavori per il grande e il piccolo schermo

La Fonte

Regia: Mattia Venturi

Prodotto da: Scuola Holden

Con: Antonio Zavatteri e Giulio Caterino

Il mio primo cortometraggio. Una commedia western che parla di acqua, di guerra e chi più ne ha più ne metta...

Filippo è un boy scout viziato al quale il capo scout affida l'ingrato compito di andare a riempire tutte le borracce del campo all'unica fontana dispersa nel bosco. Lì incontrerà Rodolfo, un pescatore di frodo e i due si contenderanno le ultime gocce della fontana stanca...

La Fonte ha vinto il Love International Film Festival di Los Angeles e ha ricevuto il premio della giuria al Alpignano let's movie e Aqua Film Festival (Roma). E' stato in concorso a: Giffoni Experience 2015, Film Festival della Lessinia, CinéMed Montpellier (Francia), Pakistan International Mountain Film Festival, Italian Contemporary Film Festival (Canada) e ai David di Donatello nel 2015.

Andromaca

Un breve documentario su una realtà che non c'è più: il campo Rom di Lungo Stura Lazio, a nord di Torino. Ho cercato di salvare la memoria di un luogo mentre stava scomparendo...

BAXT

BAXT è un termine complesso,che racchiude in sé buona e cattiva sorte, felicità e infelicità, successo e insuccesso. Una parola sola per indicare il fragile limite tra tragedia e commedia.

BAXT è una serie family di 10 puntate da 30 minuti. È una dramedy raccontata su due piani temporali: quello del presente, in cui Erik rientra nella comunità zingara per trovare il modo di perdonare suo padre, e quello del passato, raccontato attraverso i ricordi di quell’ultimo anno trascorso al luna park di proprietà della sua famiglia, il 1986.

L’Erik adulto, giornalista, interroga i ricordi dell’Erik bambino, in un’indagine che, a distanza di trent’anni, gli permetterà di conoscere la verità e accettarla, almeno in parte.

Ecco il piccolo teaser che ho realizzato:

Scrittura

E alla fine la mia passione più grande...

Quaderno del Cinema Reale

Quaderno del cinema reale è una rivista online e cartacea che parla di cinema reale appunto. Documentari e tutto quello che ci gira attorno. Quando posso, scrivo delle recensioni per loro!

Eccone una:

Strike!

Strike! è un progetto di cui vado molto fiero. Organizzato dalla provincia autonoma di Trento, Strike! raccoglie ogni anno dieci storie di giovani che hanno avuto successo nel territorio e attraverso una serie di seminari li forma per raccontare ognuno la propria storia durante la serata di premiazione. Tra gli insegnanti ci sono anche io!

Ecco quello che ho scritto:

Un amante serio

Spettacolo teatrale

Scritto da me e Benedetta Gallo, il testo di "Un amante serio" è stato finalista al Festival dei due mondi di Spoleto - Premio Siae.

La camera di Claudia e Vittorio è simile al loro matrimonio: spoglia, asettica, silenziosa. Il letto, che un tempo poteva essere trasformato in un prato o nella spiaggia del loro primo incontro, adesso è reso irraggiungibile da file di cuscini impenetrabili e ordinatissimi.

A sconvolgere la vita dei due protagonisti è una pioggia di piume bianche, ondeggianti, tragiche e nuziali insieme. Uno spettacolo magnifico che è l'epilogo di una carneficina.

La camera da letto smette dunque di essere un luogo di intimità e si scinde in due parti simmetriche e inconciliabili.

Mattia Venturi

Scrittore e Regista

telefono: 393-8670239

mail: mattia.venturi6@gmail.com

Created By
Mattia Venturi
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.