Loading

Concert stories - III -

21 febbraio 2021

Vi presentiamo oggi un programma particolare che si concentra tutto su musica per fiati: tromba, oboi, fagotto. Solo un cembalo e un violone si aggiungono come sostegno della linea del basso.

Today we present you a rare and exciting programme entirely focused on wind instruments: trumpet, oboes, bassoon. Only a harpsichord and a violone add harmonic support to this wind band.

Il suono, lo sappiamo, è aria che vibra. Ma il fatto che negli strumenti a fiato sia lo stesso respiro umano - come nel canto - a farsi musica, è una cosa affascinante. Forse per questo la musica per fiati è particolarmente vitale, ricca di emozioni, allegre o malinconiche. Forse per questo è così evocativa. E non è un caso, credo, che alcuni dei più bei soli delle grandi sinfonie ottocentesche siano affidate proprio ai fiati, legni o ottoni che siano...

Sound is defined as a vibration in air. It is fascinating to see how the human breath – as in singing - becomes music with wind instruments. Perhaps that is why music for wood wind is particularly vital, full of emotions, whether joyful or melancholic, by times even evocative. To me this doesn’t come as a surprise as I believe some of the most beautiful solos from the great symphonies of the 19th century were written for wind instruments, whether woodwind or brass...

Ma basta discorsi sui massimi sistemi: tuffiamoci nelle immagini di questo concerto e leggiamo qualche cosa sulle musiche che andremo ad ascoltare!

Enough though about the mechanics, let's dive into the programme of this concert and read up on a few things about the music we are about to hear!

Musicisti e tecnici al lavoro

Il concerto si apre con un pezzo raro, una Ricercata per tromba sola, quasi un'improvvisazione che ci introduce nel mondo di suoni che, per la prossima ora, ci accompagnerà. Fantini è il suo autore, ma Paolo Bacchin - il nostro trombettista d’eccezione - ne fa un pezzo suo, personalissimo. Segue una sonata, dello stesso autore per tromba e basso continuo. Fagotto e contrabbasso l'accompagnano assieme al clavicembalo.

Introducing us to the soundscape that will accompany us for the next hour, the concert opens with a rarely performed piece by Fantini: a Ricercata for solo trumpet. Our outstanding trumpeter Paolo Bacchin gives the work which has strong resemblances of an improvisation, a very personal interpretation. Its performance is followed by a sonata for trumpet and basso continuo by the same composer. Bassoon and double bass accompany the trumpet along with the harpsichord.

Dopo questa introduzione, il programma chiama in causa gli oboi e prosegue con brani tutti legati alla corte di Dresda, che fu un centro di grande sviluppo della musica per fiati.

After this taster, the oboes make their introduction while the programme continues with several works closely related to the Dresden court, noted especially as a centre for the cultivation of wind music.

Un autore italiano poco noto, Arcangelo Califano, ci propone una sonata piena di vitalità ma che racchiude, tra due allegri, una malinconica Siciliana (vi ricordate che vi dicevo dei sentimenti diversi che vengono magistralmente espressi dalla musica per fiati?)

Firstly, a vibrant sonata by the lesser-known Italian composer Arcangelo Califano, which inculdes of a melancholic Siciliana (remember I was referring earlier to the array of expressions wind instruments can master?) in contrast to its two energetic allegros.

Andrea Mion

Segue il dotto Heinichen. Lo si ricorda oggi quasi più come teorico della musica, ma fu un grande compositore! L'Affettuoso del primo movimento non è appassionante? E la verve che pervade il secondo tempo? L'Aria che segue è dolcissima, potrebbe essere l’aria di un’opera. La musica per fiati, effettivamente, ha un che di particolarmente naturale. Il fatto stesso che i suoi esecutori "debbano" respirare, la rende umana, mai artificiosa o puramente intellettuale. Lasciamoci dunque trasportare dai dialoghi appassionati tra gli oboi e il fagotto cui cembalo e violone danno una solida base armonica.

Next up is the intellectual Heinichen, who is mostly known as a music theorist, but he was an accomplished composer. Isn’t the Affettuoso in the first movement rapturous? And how about the energy sparking off from the allegro of the second movement? Also, the Aria is so charming, it could be an opera aria. There is indeed something pure about music for winds, given that its players ‘must’ breathe, which makes it human, genuine and never only an intellectual experience. Let’s get carried away by the fiery dialogues between the oboes and the bassoon, to which the harpsichord and violone provide a solid harmonic base.

Paolo Bacchin e, di spalle, Guisella Massa

A proposito di fagotto, fate caso a come, da quando sono entrati in scena gli oboi, esso sia stato sempre protagonista con linee proprie, ornamentazioni e fioriture ricchissime. E se per caso vi fossero sfuggite, ecco il brano di Fasch dove il fagotto è forse la voce più importante! Seguite il suo virtuosismo negli allegri, ascoltate che linee appassionate negli adagi! Fasch, per i fiati, ha scritto musica eccezionale. Ne è un chiaro esempio la sonata in programma oggi.

Speaking of the bassoon; notice how prominent its presence has been with clear lines and rich ornamentation ever since the oboes came on the scene. In case you didn’t pick up on this, here’s a piece by Fasch in which the bassoon has the most important part! Listen to the virtuosity in the allegros, the infatuated phrasing in the adagios! Fasch wrote exceptional music for wind instruments, of which today’s sonata is a wonderful example.

Elena Bianchi

Segue Vivaldi, un autore che non ha bisogno di presentazioni e che si distingue sempre per una scrittura accattivante. Ascoltatelo dunque senza pensare. È bello così!

We continue with Vivaldi, a composer who needs no introduction and who always stands out for his captivating writing. Just listen to his music without thinking. It stands on its own!

Il concerto non poteva chiudersi senza richiamare in scena la tromba. Ecco dunque un raro brano del grandissimo Telemann per tromba, due oboi e basso continuo. È un autore magistrale - lo abbiamo ascoltato anche nel nostro primo concerto, La Scatola delle Meraviglie, ricordate? Quello che mi sembra sempre notevolissimo in Telemann è la qualità della scrittura, qualsiasi siano le sue intenzioni espressive. Non eccelle negli allegri o nei larghi, nei brani umoristici o in quelli tristi. Eccelle in tutto! Il brano di oggi è davvero una perla rara. Buon ascolto!

The concert couldn’t end without bringing back the trumpet on stage with a rare piece for trumpet, two oboes and basso continuo by the great Telemann. We also heard his skilful composing in our first concert “La Scatola delle Meraviglie”. What strikes me the most about Telemann is the quality of his writing, whichever are his expressive intentions. He doesn’t stand out for his allegros or largos particularly, nor for his humorous or sad pieces. He simply excels in everything! Today's piece is truly a rare gem. Happy listening!

Vi abbiamo incuriosito? Avete voglia di ascoltare il nostro concerto?

Are you curious for more?

On-demand su... Available at...

Affrettatevi! No time to waste!

Testi: Fabio Bonizzoni. Traduzioni: www.mirjamvds.com. Foto: Andrea Mion e Giampiero Zappa