Ecologia nel mondo antico

Nel mondo greco la natura era profondamente sentita e l'ambiente era avvertito come un insieme unitario, di cui l'uomo faceva parte a pieno titolo, accanto ad altre presenze, o sopra di loro, unico e indiscusso dominatore. Un rapporto ambivalente che ritorna nell’immaginario artistico dell’epoca, in cui la natura appare come locus amenus e locus horridus. La natura è concepita sia locus amenus, di pace, serenità, meraviglia, sia come locus horridus, ferino, pericoloso, instabile.

I filosofi furono i primi a esprimere pienamente questo controverso immaginario.

Platone arrivò a negare la bellezza della natura. Aristotele, invece, intendeva la natura come un regno retto da ferree leggi gerarchiche e rapporti di forza, al cui apice metteva l’uomo. Idealmente, ne giustificava abusi, atteggiamenti di supremazia e dominio.

I Greci e la natura

I filosofi presocratici (Talete, Anassimandro, Anassimene) mostrarono particolare interesse per questo tema.

Quasi sempre i loro trattati si intitolavano perì physeos "sulla natura".

Ciò che essi ricercavano era di norma l'archè , il principio costruttivo della materia. Tale interesse derivava dal fatto che per loro l'etica si fondava proprio sul vivere secondo natura.

I romani e la natura

I romani ritenevano che esistesse uno stretto rapporto tra l'uomo e la natura e da questo traevano considerazioni che a noi oggi possono sembrare ingenue.

Cicerone nella sua opera (De lege agraria) nota come la natura influisca sul carattere stesso delle persone. I cartaginesi erano perfidi a causa della natura inclemente del loro territorio, i Liguri selvatici a causa della difficoltà a coltivare la terra, i capuani superbi per la bellezza e la produttività della loro terra.

La natura positiva non è comunque mai quella reale , ma è idealizzata attraverso il locus amoenus (come si nota nelle bucoliche di Virgilio)

Nel trattato "Sulle arie , le acque e i luoghi" si sostiene che la natura influisca sul carattere di una persona, sul suo temperamento e sui suoi costumi.

Aristotele secondo questo ragionamento distingue i popoli d'Europa : Quelli che vivono in regioni fredde sono coraggiosi e amanti della libertà ma sono limitati nell'intelletto ; I popoli dell Asia sono imbelli e servili ; I greci invece (che vivono nel mezzo) hanno le qualità di entrambi e quindi sono ardimentosi , intelligenti, liberi e dotati delle migliori istruzioni.

La cultura romana condivide l'idea che la natura abbia influenza sull'uomo.

Tutela ambientale

L'unica forma di tutela ambientale sembra collegata con vincoli di carattere religioso.

I soli luoghi che non ammettono l'intervento umano sono,infatti,quelli percepiti come sacri.

Nella mentalità degli antichi, l'ambiente naturale costituisce il luogo in cui si manifestano le divinità e l'intervento del uomo in quei luoghi avrebbe provocato una reazione divina. Anche gli animali , sia in Grecia sia a Roma sono percepiti come parte integrante della natura ed elementi di mediazione divina : da un lato vengono venerati come incarnazione della natura stessa , dall'altro considerato ostili e comabatutti come minacce.

Invece gli spazi profani erano liberi di essere manipolati e trasformati a suo piacimento.

Gli antichi avevano un atteggiamento ambiguo di fronte alla questione ambientale : al bisogno di controllare la natura e il suo lato selvaggio si contrappone la consapevolezza dei limiti di uno stile di vita irrispettoso della realtà naturale.

Alimentazione nel mondo antico

Nel mondo greco e romano l'alimentazione fu sempre basata su una produzione agricola centrata sulla cosiddetta triade mediterranea (cereali,olivo e vite). Nel mondo antico i cereali erano la fonte principale di cairbodrati e rappresentavano il vero fondamento dell'alimentazione del popolo, tanto che i termini che denotano il grano ( come sitos in greco e frumentum in latino) vengono tradotti come "cibo".

L'olio di oliva invece forniva tutti i grassi necessari, mentre il vino era l'unica bevanda importante che accompagnava tutti i pasti. Per quando riguarda la carne invece era considerata un alimento di pregio e il suo uso era molto limitato nelle classi meno abbienti.

Abbastanza diffuso a Roma era anche il consumo della frutta e le salse di pesce (garum) di cui la composizione è ancora sconosciuta.

Made by Riccardo Pellegrino

Created By
Riccardo Pellegrino
Appreciate

Credits:

Created with images by jungle_group - "Forest" • Yixler - "Forest Path" • Dennis Götz - "Nature" • .Elisa. - "nature" • @jbtaylor - "Nature" • IzazKrakowa - "aqueduct water the stones" • Aquilatin - "pont du gard romans antique" • psaudio - "colorado maroon bells aspen" • abigail2resident - "bridge aqueduct architecture"

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.