Loading

IN CAMMINO preghiera lunedì 13 aprile

In questi primi giorni del Tempo Pasquale, che si prolunga fino a Pentecoste, siamo ancora ricolmi della freschezza e della gioia che la celebrazione della Pasqua ha portato nei nostri cuori.

Doniamo la gioia del Risorto a quanti avviciniamo. Facciamo sorgere nel cuore del prossimo la speranza dove c’è disperazione, la gioia dove c’è tristezza, la vita dove c’è morte.

Una provocazione musicale

.

E così sorridere di quello che non sai comprendere \ perché il mondo può corroderci, \ noi non siamo dei miracoli \ e se ci sentiamo fragili \ è per cercare un'altra via dell'anima \ strada che si illumina e la paura che si sgretola \ perché adesso sai la verità \ questa vita tu vuoi viverla, vuoi viverla \ vivi sempre ogni istante \ vivi sempre ogni istante.

Dio si fa presente nella nostra vita per darci nuovi significati. Accogliere Gesù Risorto ci aiuta a sgretolare le nostre paure... come possiamo alimentare la luce che rischiara la notte del dubbio? Come possiamo alimentare la speranza e la certezza che per Dio 'Nulla è impossibile'?.

Morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.

Dal Vangelo secondo Matteo

Abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l'annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: "I suoi discepoli sono venuti di notte e l'hanno rubato, mentre noi dormivamo". E se mai la cosa venisse all'orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino ad oggi.

Per la riflessione

Il Vangelo di oggi ci fa sostare nei pressi della tomba vuota. Avvenimenti e personaggi diversi caratterizzano quel luogo la mattina del primo giorno dopo il sabato. Le donne, uscite di casa con passo funebre, ora corrono tra timore e gioia per dire ai discepoli che qualcosa è accaduto… e mentre corrono Gesù le raggiunge: il Signore va sempre incontro a chi lo cerca con cuore sincero, non permette che il nostro cuore si scoraggi per la sua assenza. Allo stesso tempo il Maestro sembra frenare la gioia delle donne e invita il gruppo dei discepoli ad andare in Galilea, dove tutto è cominciato; è in quella regione che la comunità incontrerà il Signore Risorto.

La Galilea è la terra di confine, il luogo della quotidianità, del confronto, dell’annuncio. Sarebbe bello rimanere fermi a contemplare il volto glorioso di Cristo, ma non è tempo. Siamo chiamati a stare con Lui nella vita di ogni giorno e di ogni uomo. Ciascuno di noi è incoraggiato a fare il passaggio dall’incontro con il Signore nella contemplazione al riconoscerlo presente nella propria 'Galilea' fatta d’impegno, passione, fedeltà, ma a volte anche di abitudine, fatica e fallimenti.., è proprio lì che Lui si rivela ai credenti.

Sosta qualche istante in silenzio e accogli nel tuo cuore la Parola: «Non temere, non avere paura! Gesù il Nazareno, il Crocifisso, è risorto!».

Lode e intercessione

Rit.: O Cristo risorto, ascoltaci e rallegraci!

Riempi la nostra vita con l'acqua viva del tuo Spirito.

Fa' che la nostra fede in te possa crescere, custodita e rafforzata dalla comunione con la tua Chiesa esultante della gioia pasquale.

Come le donne, donaci di incontrarti Vivente per rallegrare il mondo con l'annuncio della tua vittoria pasquale.

Padre nostro...

Custodisci tu, ciò che mi è sacro, perché da me non ci riesco.

Proteggi tu, chi mi è caro perché da me non posso farlo.

Rischiara tu, ciò che mi impaurisce, perché tu stesso sei luce.

Metti tu al sicuro, ciò che ho iniziato, perché tu stesso sei il compimento. (Martina Kreidler-Kos)

Credits:

Creato con immagini di Sergey Shmidt - "California blooming like crazy after months of non-stop rains. Even deserts are covered with juicy bright flowers. The photo was made on Diamond Valley Lake a few days ago." • RitaE - "baby hand small child"