Loading

Momenti di Luce La piccola catechesi di avvento in famiglia

CARI GENITORI,

vi presentiamo uno schema di catechesi che chiamiamo “momento della luce” da vivere in famiglia nelle settimane di Avvento. Non vi spaventate della parola, non dovete fare i catechisti nel senso di spiegare cose particolari. Si tratta invece di vivere con i vostri figli un momento di condivisione in cui provate insieme ad ascoltarvi l’un l’altro e ad ascoltare il Signore. Per questo vi proponiamo uno strumento molto semplice: è la traccia per un incontro familiare di circa 20/30 minuti, che non richiede da parte vostra alcuna particolare preparazione religiosa, ma solo il desiderio di provare a parlare in modo vero tra voi. Il “Momento della Luce” prevede una condivisione del vissuto, l’ascolto di un breve testo, una semplice preghiera. È un metodo sperimentato (anche da famiglie in cui uno dei genitori non è credente e da famiglie in cui c’è un solo genitore in casa) e può attivare un dialogo prezioso, che aiuta le relazioni.

La proposta è questa: a partire dall’ultima settimana di novembre (dal 23/11) e poi per le quattro settimane di Avvento trovate un momento settimanale di condivisione e preghiera della durata di 20/30 minuti. In tutto sono cinque incontri familiari. Sappiamo che non è poco chiedervi di trovare ogni settimana mezz’ora per stare tutti insieme in questo modo, ma siamo convinti che in questo periodo sia quanto mai necessario.

Lo schema dell’incontro ha 5 punti:

1. INIZIO,

2. CONDIVISIONE,

3. ASCOLTO,

4. PREGHIERA,

5. CONCLUSIONE.

Il punto 3 - la lettura di un breve testo e una domanda a cui rispondere - è ogni settimana diverso: i testi sono ispirati a un brano del vangelo e a una lettera che il Papa ha scritto l’anno scorso sul significato e il valore del presepe. Ogni settimana potrete così riflettere su un elemento del presepe e sul suo significato per la vostra famiglia, e nel frattempo cominciare concretamente a prepararlo.

Da questo schema essenziale in 5 punti non è opportuno togliere qualcosa. A seconda delle necessità della settimana o delle abitudini familiari, invece, potete aggiungere liberamente degli elementi nuovi: per esempio un simbolo particolare, una canzone o un canto religioso (all’inizio e/o alla fine), oppure delle preghiere spontanee (al punto 4 prima del Padre Nostro), oppure un momento in cui ci si chiede perdono per qualcosa, un momento in cui ci si ringrazia per qualcosa, ecc.

Per prepararvi a organizzare e vivere il “Momento della Luce”, potete guardare un breve video che trovate sul canale YouTube dell’Ufficio catechistico di Roma:

PRIMA DI INIZIARE...

• Preparare una candela che sarà adoperata solo per questi momenti.

• Scegliere un’ora adatta per tutti; spegnere le fonti di distrazione come il telefonino.

• Scegliere un luogo della casa in cui sia possibile stare seduti in cerchio e guardarsi, per esempio attorno a un tavolo o sui divani in cerchio, personalizzando l’ambiente di modo che ci sia un’atmosfera raccolta e calda.

• Si può mettere un segno della fede, come una Bibbia o un’icona o un crocifisso, e si possono disporre dei fiori o qualche altro abbellimento.

1. INIZIO

Si accende la candela al centro. Si fa tutti insieme il segno della croce dicendo: “Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen”.

2. CONDIVISIONE

Si condivide un sentimento positivo della settimana (introduce brevemente il momento uno dei genitori). Per primi condividono i genitori, poi i figli. La condivisione ha questo stile: “Questa settimana sono stato contento quando... un momento bello è stato quando... ho provato gioia/serenità/speranza quando...”. Si condivide un sentimento negativo della settimana. Per primi condividono i genitori, poi i figli. La condivisione ha questo stile: “Questa settimana sono stato triste quando... un momento brutto è stato quando... ho provato paura/ansia/rabbia quando...”.

3. ASCOLTO

Si legge il brano proposto (può farlo un figlio in grado di leggere scorrevolmente). Si risponde uno per volta alla domanda. Per primi condividono i genitori, poi i figli.

4. PREGHIERA

Un genitore introduce un breve momento di preghiera silenziosa che ciascuno farà per sé: “Facciamo un momento di silenzio, nel quale preghiamo gli uni per gli altri e per...”.

Al termine del silenzio, il genitore inizia: “Padre Nostro...” e tutti pregano il Padre Nostro.

5. CONCLUSIONE

Si fa tutti insieme il segno della croce dicendo: “Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen”.

Poi un genitore fa un piccolo segno di croce sulla fronte degli altri membri della famiglia, dicendo: “Dio ti benedica”.

Si spegne la candela.

Created By
Pierluigi Bartolomei
Appreciate