Un Momento Di Emergenza Photographer: Strajescu Andrei | Edit by Dilshan | Actor: Balestriero Andrea

Eventi che potrebbero richiedere l’evacuazione
incendio, terremoto, ecc.......
  1. Incendi che si sviluppano all’interno dell’edificio scolastico Incendi che si sviluppano all’interno dell’edificio scolastico (magazzini, laboratori, centrali termiche, biblioteche, etc.);
  2. un terremoto;
  3. inondazione, alluvione;
  4. crolli dovuti a cedimenti strutturali della scuola o degli edifici contigui;
  5. avviso o sospetto della presenza di ordigni esplosivi;
  6. inquinamenti dovuti a cause esterne;
  7. ogni altra causa che venga ritenuta pericolosa dal Capo d’Istituto.
La legislazione italiana
  • In base al numero di persone normalmente presenti all’interno delle strutture, le medesime si classificano;

a basso, medio od alto rischio.

istituito salesiano san zeno
  • La nostra scuola è una struttura ad alto rischio.
  • soggetta ad effettuare delle prove di evacuazione.
La legislazione italiana
  • Devono svolgersi almeno 2 prove di evacuazione:

1^ programmata

Punto di raccolta
2^ non programmata.
  • Vista l’importanza della prova, i docenti guidano ed intervengono in caso di mal esecuzione della prova da parte degli allievi.
  • Redigono un verbale.
Piano di emergenza “Predisposizioni e incarichi”
  • In ogni classe dovranno essere individuati alcuni ragazzi a cui attribuire le seguenti mansioni:
  • 2 ragazzi apri-fila, con il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso la zona di raccolta.
  • 2 ragazzi serra-fila (o chiudi-fila) con il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà e chiudere la porta dell’aula dopo aver controllato che nessuno sia rimasto in dietro
  • 2 ragazzi (aiutanti) con il compito di aiutare le persone con difficoltà di movimento ad abbandonare l’aula e a raggiungere il punto di raccolta.
Norme di comportamento in caso di incendio
Mantenere la calma
Se l’incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta.
Se l’incendio è fuori dalla tua classe ed il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati, apri la finestra e chiedi soccorso.
Se il fumo non ti fa respirare filtra l’aria da un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l’alto).
Norme di comportamento in caso di terremoto

Se ti trovi in un luogo chiuso:

mantieni la calma,
Non precipitarti fuori,
resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l’architrave della porta o vicino ai muri portanti
  • Allontanarsi da finestre, porte con vetri e armadi.
  • Se sei in corridoio entra nelle tua classe o in un’aula vicina.
Dopo il terremoto abbandona l’edificio e recati nella zona di raccolta.
L’evacuazione
Appena avvertito l’ordine di evacuazione bisogna eseguirlo mantenendo, per quanto possibile, la calma.
L’uscita di sicurezza più vicina è ad un massimo di 30m.

Il tempo per coprire questa distanza è ridotto anche camminando lentamente.

  • Si dispone di parecchi minuti prima di mettersi in salvo.
  • La soluzione consiste nell’esecuzione di un deflusso ordinato.
  • L’insegnante prenderà l’elenco degli studenti e coordinerà le operazioni di evacuazione.
Gli studenti usciranno dall’aula al seguito dei compagni apri-fila, in fila indiana e tenendosi per mano, o appoggiando la mano sulla spalla del compagno che sta davanti.
Il serra-fila chiuderà la porta dell’aula dopo essersi assicurato che non sia rimasto nessuno all’interno.
Procedure operative

Gli allievi dovranno adottare il seguente comportamento

mantenere la calma;
interrompere ogni attività;
  • mantenere l’ordine e l’unità della classe durante e dopo l’esodo tralasciare il recupero di oggetti personali (eventualmente, prendere un indumento pesante);
  • disporsi in fila evitando il vociare , l’urlare e il richiamo
I due apri-fila apriranno le porte sulla strada verso la zona di raccolta;
  • I due chiudi-fila chiuderanno il gruppo aprendo le finestre dell’aula prima di uscire e chiudendo la porta dietro di loro.
  • seguire le indicazioni dell’insegnante per rispettare le precedenze;
  • camminare in modo sollecito, non sostare, non spingere;
  • non correre disordinatamente e non gridare;
  • collaborare con l’insegnante per controllare le presenze dei compagni prima e dopo lo sfollamento;
seguire le vie di fuga indicate (segnaletica);
  • raggiunta l’uscita allontanarsi prontamente per non ostacolare il deflusso delle persone e/o di eventuali soccorritori;
raggiungere la zona di raccolta assegnata e attendere istruzioni;
  • attenersi a quando dice l’insegnante nel caso si verificassero contrattempi;
  • non rientrare nell’edificio per NESSUN motivo.
Procedure operative il docente

Una volta raggiunta la zona di raccolta, il docente

  • farà l’appello e
  • farà pervenire alla direzione delle operazioni il modulo di evacuazio-ne con i dati sui numeri di allievi presenti ed evacuati,su eventuali dispersi e/o feriti.
Il Panico

Quando si va in panico?

  • Quando in edifici con alta concentrazione di persone, a causa di una emergenza, le condizioni di agibilità degli spazi sono modificate.

Cos’è?

Un’alterazione dei comportamenti e dei rapporti interpersonali degli utenti, causati da una emergenza imminente. Questo provoca una reazione pericolosa, poiché non consente il controllo della situazione creatasi.

Le persone reagiscono quindi in modo non controllato e razionale.

Come si manifesta

Timore, paura, oppressione, ansia fino ad emozioni convulse e manifestazioni isteriche, accelerazioni del battito cardiaco, tremore alle gambe, difficoltà di respirazione, aumento o caduta della pressione arteriosa, giramenti di testa e vertigini.

Come superarlo

Il superamento dipende dal sistema (ambiente), in cui questo si evolve, cioè se questo è preparato e organizzato per far fronte ai pericoli.

Vie di esodo “piano seminterrato”

Vie di esodo “piano rialzato”

Percorso d'esodo: " AULA LIM" F127

Vie di esodo “piano rialzato”

Attenzione ad aprire la porta!
Cartelli di salvataggio

Il “punto di raccolta” è il campo sportivo

L’altro “punto di raccolta” è dietro la palestra

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.