Loading

San Vitale ... le tradizioni, il dialetto ed il territorio classe 3^A Scuola primaria via verdi istituto comprensivo "G. Rodari" san salvo

a.s. 2020/2021

Una passeggiata nella San Salvo degli anni '50

I bambini hanno conosciuto l'asino e la sua peculiare personalità visitando una fattoria locale. L'asino, in passato, trasportava i sacchi di grano fino al mulino. E' così che l'asino è diventato per la classe il protagonista della favola della festa di San Vitale. Abbiamo fatto un salto nel passato e guardato e vissuto con gli occhi di un asino la gente, gli usi, le abitudini, le tradizioni e i luoghi. Sono state recuperate le espressioni dialettali del tempo che riportano ad immagini, persone, cose, emozioni che esistono ancora solo nel cuore dei nonni che hanno vissuto quei momenti.

Mi hanno tutto infiocchettato, so’ proprio nu gnocc d’asin, tutt’aricagnat a festa e tutt ma uarda.
"so’ proprio nu gnocc d’asin"
"... la pipizz pe lu vincitour de la fest di lu patron “San Vitale Martire”
La pipizz' era una struttura a cono su cui venivano appesi taralli e dolci con fiocchi e merletti
La processione e i "taralli"

Attraverso le applicazioni digitali di localizzazione e di visualizzazione geografica, è stato possibile, nonostante le restrizioni dovute all'emergenza Covid-19, ripercorrere virtualmente le strade della nostra città. Parallelamente, abbiamo analizzato come la nostra città si è trasformata nell'arco di un secolo: le strade, le case, la Chiesa e i punti di riferimento della gente. Le foto antiche ci hanno mostrato tanti altri dettagli interessanti su come eravamo un tempo. Dettagli capaci sempre di stupire i fanciulli, ma anche gli adulti.

"Prim de la procession, za ristrignam annend a la Chis."
Chiesa San Giuseppe negli anni '50
"A testa alta e fiero passo sotto la Port de la Terr."
La Porta della Terra
La sfilata delle some in Strada Fontana Vecchia
"Sono arrivato al Calvario, ho camminato tanto e comincio a sentirmi stanco."
Via Roma e il Calvario
"Torno a fare l’asino aspettando la prossima festa, t’aringraz San Vital bell!"
San Vitale a cavallo dell'asino

Sabato 24 Aprile 2021

Laboratorio dei Taralli di San Vitale (percellette)

Impariamo dalle mastre a fare "le percellette" 👩‍🍳

Le mani all'opera ✋🤚

18 aprile 2020

Laboratorio delle sagnitelle di San Vitale

Lo scorso anno (2020), con la collaborazione delle famiglie, abbiamo deciso di rispondere all'invito del Parroco Don Raimondo: preparare ciascuno in famiglia le "sagnitelle di San Vitale" e poi condividere con la comunità attraverso una foto.

In questo modo abbiamo potuto esprimere il nostro desiderio di partecipare attivamente alla vita della nostra città, rispettando l'impegno #io resto a casa#, ed il nostro contributo a sostenere le tradizioni che, ora più che mai, ci aiutano a restare uniti.

Le sagne di San Vitale

Impariamo a fare le sagnitelle dalle "mastre"

L’impasto viene lavorato con le mani sulla spianatoia (piano in legno). Si formano dei panetti e li si lascia riposare per poi rilavorarli ancora con le mani fino a quando non diventano lisci.

A questo punto l'impasto viene steso con il matterello, “lu cannill”, fino a formare un disco dello spessore di circa un paio di millimetri.

La sfoglia, cosparsa di farina, riposa ancora un po per poter procedere successivamente al taglio a mano delle sagne.

Le sagne sono così pronte per essere bollite, possibilmente nel tradizionale “cottore” di rame, e condite con il ragù. Ma prima vanno "benedette" e noi cantiamo in coro il "Canto di San Vitale"...

Ed ecco le nostre sagnitelle ...

Straordinari bambini e bambine e complimenti alle mamme e alle nonne meravigliose 💖
"T’aringraz San Vital bell!"

I disegni sono stati realizzati dagli alunni della Classe 3^A Via Verdi dell'I.C. G.Rodari San Salvo.

Foto di San Salvo e video sulle tradizioni provengono dal sito "SansalvoAntica.it".

Docenti del team: Maria De Francesco, Maria Di Nardo, Laura D'Amelio ed Elena Naccarella.

Created By
Maria De Francesco
Appreciate