Viaggio in Armenia Simone zoppellaro

Fra il 14 e il 26 giugno, ospite di IDEA Foundation e impegnato in un progetto televisivo con la TV svizzera TEDESCA (SRF), ho avuto modo di viaggiare l'armenia in lungo in largo. non si trattava di una prima volta: in questo paese ho vissuto a lungo, fino a fare miei molti di quei paesaggi e volti, fino a farli parte della mia vita. eppure, come per ogni viaggio che si rispetti, si è trattato anche questa volta di una visione inedita, irripetibile. ho deciso di condividere con voi alcuni appunti di quel viaggio.

_______

Il lago di Sevan

FOTO: Lago di Sevan © Simone Zoppellaro 2016

“Sull’isola Sevan, che si distingue per due pregevolissimi monumenti architettonici del VII secolo così come per le grotte di pidocchiosi eremiti da poco deceduti – capanne sotterranee invase da ortiche e lappole, non più spaventevoli di cantine di dacie abbandonate -, io ho vissuto un mese, godendo dell’immobilità dell’acqua lacustre a un’altezza di quattromila piedi e avvezzandomi alla contemplazione di due o tre decine di tombe disseminate alla maniera di aiuole tra le residenze monastiche ringiovanite dai restauri”.
(Da Osip Mandel’štam, 'Viaggio in Armenia', trad. di Serena Vitale)

FOTO: Lago di Sevan © Simone Zoppellaro 2016

“Ogni giorno, alle cinque in punto, il lago pullulante di trote si metteva a bollire come se vi avessero versato una grossa presa di soda. Era una vera e propria seduta mesmerica di cambiamento del tempo, come se un medium comunicasse alla tranquilla acqua di calce dapprima una giocosa increspatura, quindi un inquieto fremito di ali di uccelli, e infine la tempestosa frenesia del Ladoga”.
(Da Osip Mandel’štam, 'Viaggio in Armenia', trad. di Serena Vitale)
Lago di Sevan © Simone Zoppellaro 2016

I volti

Goris, Yerevan © Simone Zoppellaro 2016

_______

Verso Gyumri

Da qualche parte, verso Gyumri © Simone Zoppellaro 2016
“I miei buoi sono biondi, / hanno le fronti di luce / che ho adornato con un amuleto blu. / Sono ebbri dell’aria primaverile del mattino - / guardano pacifici la campagna tranquilla. // Durante l’inverno li ho nutriti di fieno - / sembrano i grassi idoli del tempio. / La loro coda pelosa e pettinata / scivola sui fianchi come un serpente. // Amo il loro dorso dalle mille pieghe, / le loro narici umide, le grandi pupille / dove si riconosce il sogno immutabile della campagna. // Amo di loro i corpi dondolanti, e il possente muggito / dagli orizzonti - quando avanzano senza fermarsi / con le corna immerse nell’Alba”.
(Da Daniel Varujan, 'Il Canto del Pane', trad. di Antonia Arslan e Chiara Haiganush Megighian)
Da qualche parte, verso Gyumri © Simone Zoppellaro 2016

_______

Il Monastero di Tatev

Tatev © Simone Zoppellaro 2016
“Con la loro semplicità le antiche chiese armene dicono che fra le loro mura dimora il Dio dei pastori, delle belle donne, di scienziati e vecchiette, di eroi e di tagliapietre, il Dio di tutti gli esseri viventi”.
(Da Vasilij Grossman, 'Che il bene sia con voi!', trad. di Claudia Zonghetti)
Tatev © Simone Zoppellaro 2016

_______

Il paesaggio

Karahunj © Simone Zoppellaro 2016
“Della mia dolce Armenia / amo la lingua che ha il sapore del sole, / la tragica voce e i lamenti dei bardi, / amo i fiori color del sangue, / l’intenso profumo delle rose / e le danze gentili delle figlie del Nairi. // Amo il cielo blu profondo, / le acque limpide e il lago luminoso, / il caldo sole d’estate e i gelidi venti d’inverno / che soffiano con voce di drago, / i muri tristi e neri delle capanne sperdute nel buio / e le pietre millenarie delle antiche città”.
(Da Yeghishe Charents, 'Della mia dolce Armenia', trad. di Mario Verdone)

_______

Il caravanserraglio di Selim

Il caravanserraglio di Selim © Simone Zoppellaro 2016

_______

Yerevan, la capitale

Piazza della Repubblica © Simone Zoppellaro 2016
La Moschea Blu © Simone Zoppellaro 2016
Piazza della Repubblica © Simone Zoppellaro 2016
Memoriale del genocidio © Simone Zoppellaro 2016
Created By
Simone Zoppellaro
Appreciate

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.