La Condizione Femminile Oggi nel Mondo Antonelli Roberto

IERI E OGGI

Nel XXI secolo la parità dei sessi è ancora un punto debole. Secoli di lotte, proteste, non hanno eliminato totalmente le differenze. La concezione della donna come oggetto, come proprietà, come strumento di riproduzione risiede ancora nella mentalità e nella cultura soprattutto in quelle zone dove regna ancora il patriarcato, il sessismo, dove forte è la figura dell’uomo padrone. In alcuni paesi asiatici, si prevede la mutilazione degli organi genitali esterni come passo necessario per consacrare il passaggio dalla fanciullezza alla vita adulta in nome della tradizione. In Africa, Asia, Medio Oriente sono ancorati ad una visione della donna come cosa e non persona, assoggettata, schiacciata nei diritti, derubata della libertà, privata di essere padrona di se stessa, ritenuta incapace di scegliere e decidere. Fattori culturali ai quali, i fattori religiosi, contribuiscono ad accentuare pratiche fisiche, sociali e giuridiche disumane nei confronti delle donne.

DONNE CHE HANNO RICEVUTO IL PREMIO NOBEL

  • 1903 Marie Curie (Fisica)
  • 1905 Bertha von Suttner (Pace)
  • 1909 Selma Lagerlöf (Letteratura)
  • 1911 Marie Curie (Chimica)
  • 1926 Grazia Deledda (Letteratura)
  • 1935 Irène Joliot-Curie (Chimica)
  • 1963 Maria Goeppert-Mayer (Fisica)
  • 1966 Nelly Sachs (Letteratura)
  • 1976 Betty Williams (Pace)
  • 1991 Nadine Gordimer (Letteratura)
  • 1992 Rigoberta Menchú Tum (Pace)
  • 2007 Doris Lessing (Letteratura)
  • 2014 May Britt-Moser (Medicina)
  • 2015 Yuoyou Tu (Medicina)

La violenza sulle donne è un problema che riguarda tutto il mondo. Le conseguenze per la salute fisica e mentale della vittima di violenza sono disastrose. I fatti parlano di un’emergenza che bisogna affrontare al più presto. Soprattutto nei Paesi più poveri del mondo, dove a causa della povertà e di antichi retaggi culturali la violenza sulle donne si manifesta nella sua forma più grave.

I FATTI REALI

  • La violenza sulle donne è uno dei più gravi problemi che riguardano la salute pubblica, ed è una delle peggiori violazioni dei diritti umani al mondo.
  • Si stima che circa il 35% delle donne a livello globale ha subito violenza, sessuale e non, da un partner o da uno sconosciuto almeno una volta nella vita.
  • A livello globale, il 38% degli omicidi di donne sono compiuti da un partner.

I FATTORI DI RISCHIO

  • I fattori di rischio che fanno di una persona un possibile uomo violento sono basso livello di istruzione, l’avere subito violenza da bambino, l’aver assistito a scene di violenza familiare, l’abuso di alcool, l’accettare la violenza come un fatto culturale, la disparità di genere.
  • fattori che espongono una donna al pericolo di subire violenze sono gli stessi appena indicati.

Tutti questi fattori sono estremamente comuni nei Paesi più poveri del mondo, dove in molti casi la violenza sulle donne rappresenta la normalità.

Combattere la violenza sulle donne del mondo è uno degli obiettivi di tutti. Una lotta su più livelli: istituzionale, culturale, sanitario. Bisogna affrontare il problema della discriminazione contro le donne, promuovere la parità di genere e dare supporto alle donne.

Made with Adobe Slate

Make your words and images move.

Get Slate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a Copyright Violation, please follow Section 17 in the Terms of Use.