Loading

Educare al pensiero plurale La Teoria della Flessibilità Cognitiva e gli Ipertesti per la Flessibilità Cognitiva

Strategie di apprendimento per affrontare didatticamente questioni complesse e problemi aperti. Formazione per insegnanti, formatore Gianni Marconato

IL TEMA

Le persone che pensano in modo duale non sono capaci di affrontare problemi complessi.

La capacità di pensare in modo plurale, di considerare, cioè, differenti punti di vista nella formazione delle proprie opinioni, è alla base del vivere civile, dell'azione consapevole e responsabile, dell'esercizio dei diritti di cittadinanza.

Il pensiero complesso ha le sue fondamenta in una gamma di strategie cognitive che guidano l'esplorazione di un problema alla luce di dati e di differenti punti di vista; questo approccio consente di argomentare l'assunzione di una decisione o di una posizione personale misurandosi, appunto, con dati e argomenti che riflettono differenti valori, interessi, prospettive.

La Teoria della flessibilità cognitiva (Cognitive Flexibility Theory) descrive il funzionamento della mente quando si è alle prese con problemi aperti, problemi che non hanno una sola "soluzione" possibile, che hanno percorsi di fronteggiamento non standardizzabili a priori, che non hanno procedure di soluzione di tipo algoritmico.

Questa teoria trova una traduzione didattica nei Cognitive Flexibility Hypertext (Ipertesti per la flessibilità cognitiva), ambienti di apprendimento basati su casi che rappresentano prospettive multiple rispetto alla questione/problema.

I Cognitive Flexibility Hypertext (CFH) possono essere costruiti dagli studenti per esplorare una questione complessa, per cercare una soluzione ad un problema aperto, per "studiare" un argomento in modo attivo costruendo la propria conoscenza e la propria consapevolezza.

Didatticamente, i CFH possono anche essere costruiti dagli insegnanti per poter poi essere esplorati dagli studenti sulla base di domande guida poste dagli insegnanti stessi.

Un CFH costruito dagli studenti può essere successivamente riutilizzato da altri studenti per attività di apprendimento attraverso esplorazione.

LA PROPOSTA FORMATIVA

Finalità

Esplorare una strategia di apprendimento in grado di favorire lo sviluppo del pensiero plurale

Conoscere e rendere operativa la Teoria della Flessibilità Cognitiva attraverso gli Ipertesti per la Flessibilità Cognitiva

Obiettivi

Conoscere gli aspetti concettuali delle Cognitive Flexibility Theory

Conoscere la metodologia di sviluppo dei Cognitive Flexibility Hypertexts (CFH)

Costruire un CFH

Gestire la costruzione di un CFH in classe come attività di apprendimento

Gestire l'esplorazione di un CFH in classe come attività di apprendimento

Didattica

Formazione iniziale in presenza per 6 + 6 ore per lezioni teoriche e attività laboratoriale

Lavoro autonomo individuale e/o di gruppo degli insegnanti

Supervisione a distanza nello sviluppo di uno o più prototipi di CFH da parte degli insegnanti partecipanti al corso

Incontro finale per il riesame del lavoro svolto dagli insegnanti

Eventuale supervisione a distanza del lavoro degli insegnati con gli studenti

Ambiti di utilizzo didattico

Scuola secondaria di primo grado

Scuole del secondo ciclo

Nella scuola primaria l'approccio può essere utilizzato per semplici attività di apprendimento guidate dall'insegnante

Autori di riferimento

R. Spiro, P. Feltovich, R. Coulson

Info

giannimarconato@gmail.com

Le immagini rappresentano elaborati prodotti da studenti e studentesse nei corsi "informatica e e-learning" che ho condotto presso l'Università di Cagliari e con insegnanti

Created By
Gianni Marconato
Appreciate

Report Abuse

If you feel that this video content violates the Adobe Terms of Use, you may report this content by filling out this quick form.

To report a copyright violation, please follow the DMCA section in the Terms of Use.